BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tavecchi Srl cessa l’attività, in mobilità tutti i 41 dipendenti

Nella giornata di martedì 26 gennaio si sono svolte le assemblee dei lavoratori della Tavecchi Srl (Arti Group) che hanno deciso di proclamare uno sciopero per venerdì 29 gennaio. In mobilità tutti i 41 dipendenti per la cessazione dell’attività.

A pochi giorni dall’avvio della procedura di mobilità per cessata attività, annunciata il 18 gennaio, alla Tavecchi srl di Seriate è arrivato il momento dello sciopero: è stato deciso oggi in una serie di assemblee in tutte le aziende di Arti Group, il gruppo che, oltre a Tavecchi, comprende anche Arti Grafiche, editoriale Johnson e Eurogravure (al lavoro ci sono in totale circa un migliaio di dipendenti, tra Bergamo, Seriate e Treviglio).

Braccia incrociate, dunque, per un’ora in tutte e quattro le aziende venerdì prossimo, 29 gennaio, alla fine di ogni turno: così i sindacati rispondono all’annuncio di 41 posti di lavoro a rischio a partire da marzo, cioè alla conclusione del periodo di cassa integrazione in corso.
Ci aspettavamo di riprendere la discussione sulle prospettive aziendali dopo i mesi di cassa straordinaria che, in Tavecchi, ha coinvolto solo una minoranza di dipendenti, visto che la maggior parte dell’organico ha continuato a lavorare. Invece è arrivato l’annuncio della chiusura” avevano spiegato nei giorni scorsi Paolo Turani di SLC-CGIL, Luca Legramanti di FISTEL-CISL e Bruno Locatelli di UILCOM-UIL. “Ora avremo 75 giorni di tempo per trovare un’alternativa o tutti i lavoratori saranno licenziati”.

La preoccupazione per i 41 dipendenti di Tavecchi si aggiunge a quella per i 22 già in mobilità a seguito dell’esternalizzazione della logistica in Arti Grafiche: tra venerdì e lunedì scorso sono arrivate le lettere di licenziamento.

“Da mesi chiediamo all’azienda un confronto sulle prospettive industriali di Gruppo che, ad oggi, diventa ancora più urgente e che mai, fino ad ora, è stato svolto” concludono i sindacalisti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.