BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Furbette del cartellino di Villongo, accertamenti anche per possibili ammanchi economici

Le due indagate sono una responsabile finanziario e l'altra addetta all'ufficio tributi del municipio

Proseguono le indagini sul caso delle due dipendenti del Comune di Villongo che avrebbero truccato gli orari di lavoro.

Dopo il sequestro del server del sistema informatico che regola l’ingresso e l’uscita dal lavoro, per verificare quanti siano stati gli episodi di orari taroccati da parte delle due, entrambe 42enni, l’inchiesta coordinata dal pubblico ministero Giancarlo Mancusi mira a verificare se ci siano stati anche ammanchi economici nelle casse comunali del paese del Sebino.

Le due indagate sono una responsabile finanziario e l’altra addetta all’ufficio tributi del municipio. Compresa una possibile cifra economica versata a chi ha effettuato la procedura informatica per camuffare gli orari. Essendo difficile da realizzare, si presume infatti che possa essere stata compiuta da un esperto di informatica.

Secondo quanto ricostruito da chi indaga le due, entrambe 42enni, in più di un’occasione avrebbero timbrato il cartellino per uscire dal lavoro in anticipo sull’orario di uscita effettivo. Le ore lavorate risultavano però regolari grazie alla manomissione del sistema multimediale che coordina l’entrata e uscita. Potevano così far comparire quante ore desideravano, pur avendo lavorato meno. Sarebbero circa una decina i casi simili.

Nel frattempo nelle prossime ore prenderanno il via gli interrogatori dei colleghi delle due indagate. Dalle loro parole, incrociate con i dati del server, gli inquirenti sperano di smascherare il raggiro delle due.

L’ipotesi di reato è truffa ai danni dello Stato, falso e accesso abusivo ai sistemi informatici.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.