BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vendevano online prodotti inesistenti: scoperti e denunciati tre truffatori

Ennesima truffa smascherata dalla Polizia: il metodo utilizzato era quello classico, con la vendita a prezzi vantaggiosissimi di prodotti inesistenti, inducendo gli utenti a versare le somme dovute tramite ricarica Postepay.

Più informazioni su

Il metodo non è di certo nuovo ma le truffe online continuano a mietere vittime, pescate a strascico nel mare degli utenti del web: auto e prodotti tecnologici fittizi sono sempre le esche preferite dai malviventi che, per attirare il maggior numero possibile di clienti e invogliarli ad acquistare, puntano tutto su prezzi altamente competitivi.

A smascherare gli ennesimi raggiri sono stati la Squadra mobile della questura di Massa Carrara e la Polizia Postale che hanno individuato tre truffatori, due del luogo e uno di La Spezia, che in poco tempo erano stati in grado di racimolare qualcosa come 200mila euro.

L’Agente Lisa, profilo Facebook ufficiale della Polizia di Stato, ha messo nuovamente in guardia tutti da questi episodi, fastidiosi e purtroppo diffusi: i malviventi vendevano inesistenti televisori, tablet, pc e altri prodotti tecnologici ad ignari acquirenti, facendosi pagare con ricariche dirette su carte Postepay, intestate ad altre persone, dalle quali attraverso documenti falsi riuscivano a prelevare i soldi versati.

Gli ignari utenti, attirati da prezzi vantaggiosi, venivano convinti ad usare il pagamento tramite versamento su Postepay, solitamente indicativo di attività illecite, con l’assicurazione di avere costi minimi di spedizione.

Il problema non sono le carte ma le ricariche dirette – ha ricordato l’Agente Lisa – Quindi utilizzare un sistema tipo Paypal consente di acquistare in sicurezza. Inutile dire che poi appena i malcapitati cercavano di contattare i venditori, chiedendo spiegazioni sul mancato arrivo della merce, ricevevano una mail di scusa per il contrattempo e poi più nulla. Ovviamente rintracciarli non è stato un lavoro facile ma con abilitò e tenacia sono stati scoperti e denunciati. Allora ripetiamo ancora una volta ai nostri conoscenti che devono usare delle accortezze per acquistare online e una di queste è di pagare con un metodo sicuro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Powerhp73

    Ignari “compratori” seeeh: Galaxy S6 a 150€… ti verrà un dubbio…