BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ritrovato Texas, il cane dell’uomo morto sulla Presolana foto

Amaro, ma un sorriso nel giorno più triste: Texas, il cane dell'uomo di San Donato Milanese, morto per un incidente in montagna nella zona della Presolana tre giorni fa, è stato ritrovato.

Amaro, ma un sorriso nel giorno più triste: Texas, il cane dell’uomo di San Donato Milanese, morto per un incidente in montagna nella zona della Presolana tre giorni fa, è stato ritrovato.

I tecnici della VI Delegazione Orobica, contattati dalla famiglia, avevano compiuto un primo tentativo la sera stessa. Il cane però, un pastore tedesco femmina di cinque anni, non si lasciava avvicinare.

Il gestore del Rifugio Cassinelli, Paolo Argenton, gli ha sempre fatto trovare del cibo; l’animale stesso, nonostante il freddo di questi giorni, soprattutto di notte, è riuscito anche a trovare riparo e quindi a sopravvivere.

Martedì, su segnalazione di un signore che aveva avvistato l’animale, Federico Ferrari, i tecnici sono saliti di nuovo; insieme con il delegato della VI Orobica, Elia Ranza, c’erano anche comandante della Forestale di Gromo, Luca Giudici, sua figlia Silvia, che sta per entrare nel Soccorso alpino come conduttore cinofilo, e il loro cane Hiro, che essendo maschio, aveva buone probabilità di attirare Texas; erano pronti a intervenire in caso di necessità anche i Carabinieri di Clusone.

Finalmente stavolta sono riusciti a ottenere la fiducia dell’animale e a riportarlo alla sua famiglia. Una piccola gioia che segue il dolore della perdita di una persona cara.

La presenza del Soccorso alpino è stata importante per garantire la sicurezza dell’operazione: come ribadito, in questi giorni il rischio di scivolare è elevato, in prossimità del limite della neve, per la presenza di lastre che si formano a causa dello scioglimento diurno e del successivo gelo.

Chi va in montagna deve essere perfettamente consapevole del proprio grado di abilità, delle condizioni meteorologiche e del terreno, avere esperienza, l’attrezzatura giusta e, in alcuni casi, anche l’umiltà di sapere quando fermarsi e tornare indietro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.