BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I nuovi ghostbusters a Bergamo: a caccia di fantasmi a Stezzano

Il Ghost Hunters Team registrerà un servizio per la trasmissione “Mistero” in una vecchia dimora di Stezzano: “Una serie di fatti ed episodi inspiegabili, monitorati per più di un anno dalla custode e dal Conte stesso hanno portato alla convinzione che qualcosa di invisibile si muova al suo interno”.

I nuovi Ghostbusters sono in provincia di Bergamo: gli aspiranti Peter Venkman, Ray Stantz ed Egon Spengler, alias Bill Murray, Dan Aykroyd e Harold Ramis, arrivano domenica 17 gennaio a Stezzano in un’antica Villa mai aperta al pubblico prima d’ora.

Si chiamano Ghost Hunters Team (nella foto presa dalla loro pagina Facebook una rilevazione), un gruppo di ricercatori che si occupa di studiare, indagare ed archiviare eventuali fenomeni ritenuti “paranormali” ed inspiegabili: “Le nostre indagini sono prettamente scientifiche – spiega Nancy Ghislanzoni, membro del gruppo originaria di Casnigo – effettuate con strumentazione elettronica d’avanguardia che ci permette di analizzare ogni campo ambientale e che vengono svolte in luoghi di importante rilevanza storica come antiche Ville, Castelli, ex manicomi, ma anche in abitazioni private (delle quale abbiamo grande richiesta) in tutta Italia, ma preferibilmente al Nord. Detto ciò, preciso che le indagini da noi effettuate sono assolutamente grauite e possono essere richieste da chiunque, ovviamente, valutando se il caso è seriamente attendibile”.

Da anni collaborano con la trasmissione televisiva “Mistero” di Italia Uno, la stessa per la quale domenica registreranno un servizio a Stezzano: “In un’antica Villa che non è mai stata aperta al pubblico prima d’ora dove una serie di fatti ed episodi inspiegabili, monitorati per più di un anno dalla custode e dal Conte stesso hanno portato alla convinzione che qualcosa di invisibile si muova al suo interno”.

Passi, voci, oggetti animati e porte che sbattono: il Ghost Hunters Team non avrà (ancora) zaini protonici ma la ricerca di fenomeni paranormali su basi scientifiche è una cosa serissima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.