BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Masiello, de Roon, Cigarini, Dramè: una partita monumentale

Più informazioni su

Sportiello 6.5: incolpevole sul gol interista, il portierone nerazzurro si fa sempre trovare pronto quando chiamato in causa, soprattutto con uscite alte che danno sempre sicurezza ai compagni della difesa.

Toloi 5.5: mezzo voto in meno doveroso per l’incredibile autogol, che gli rovina di fatto una partita giocata molto bene. Peccato, per lui e per l’Atalanta.

Masiello 7.5: si incolla a Icardi e ne diventa l’ombra. Dopo diverse panchine il viareggino si è ripreso il suo spazio nel migliore dei modi, con una prestazione eccellente.

Cherubin 7: molto bene anche l’ex Bologna, sempre attento e puntuale nonostante un cliente poco simpatico come Ljajic.

Conti 6.5: parte con le gambe tremanti, poi prende coraggio e gioca con grande spensieratezza, mettendo spesso in difficoltà Telles. Benissimo in copertura: il suo salvataggio in scivolata su Brozovic a metà primo tempo vale quasi quanto un gol (28′ st Bellini 6: un quarto d’ora senza particolari patemi per il terzino di Sarnico).

Cigarini 7: prestazione da incorniciare quella del centrocampista emiliano, sempre presente in fase d’impostazione e pericoloso anche in zona-gol. Handanovic gli nega la gioia di una rete che avrebbe senza dubbio meritato.

De Roon 8: letteralmente straordinario. Recupera palloni, copre la difesa, fa girare la squadra e non si risparmia inserendosi quando i suoi attaccano. Dopo un paio di partite in calando, l’olandese volante è tornato.

Kurtic 6: lo sloveno corre molto e, tra un inserimento e l’altro, non si dimentica mai di coprire la sua zona (37′ st Migliaccio s.v.).

Dramè 7.5: un vero e proprio fiume in piena il franco-senegalese che sulla sinistra asfalta letteralmente il povero D’Ambrosio. E’ lui a propiziare l’autogol di Murillo, è lui a sfondare la difesa interista ad ogni azione offensiva. Se solo iniziasse a usare anche il piede destro…

Gomez 6.5: il Papu è come sempre la fantasia al potere, l’uomo che può cambiare gli equilibri da un momento all’altro. E infatti, non è un caso se dai suoi piedi nascano sempre le occasioni più importanti (40′ st Diamanti s.v.).

Monachello 5.5: quando a pochi minuti dal 90′ ti mangi un gol come quello che ha sbagliato lui, l’insufficienza è automatica. Ed è un vero peccato, perché l’ariete siciliano disputa una partita nel complesso molto buona contro avversari di altissimo livello come Murillo e Miranda.

 

Reja 7: un grande applauso per mister Reja, capace di dare la scossa ai suoi dopo quattro ko consecutivi e di mischiare le carte in uno dei match più delicati della stagione. Il punto conquistato non cambia la classifica dei bergamaschi, ma vale quanto l’oro. E il merito è soprattutto suo, che ha dimostrato di avere in pugno la situazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.