BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Polizia locale-Comune di Bergamo, prosegue lo scontro sui giorni di riposo

Il sindacato S.u.l.p.m. ha presentato ricorso contro la sentenza dello scorso luglio, riferita al diritto del riconoscimento del riposo nei giorni festivi infrasettimanali degli agenti

Più informazioni su

Prosegue lo scontro tra la Polizia locale e il Comune di Bergamo sulla questione dei riposi non riconosciuti per i giorni di lavoro nei festivi infrasettimanali.

Il sindacato di Polizia locale S.u.l.p.m.che assiste diversi lavoratori che avevano promosso la causa in primo grado, ha infatti annunciato di aver presentato ricorso alla Corte di Appello del tribunale di Brescia contro la sentenza emanata dal giudice del lavoro di Bergamo lo scorso luglio, riferita al diritto del riconoscimento del riposo nei giorni festivi infrasettimanali degli agenti cittadini.

Il tribunale aveva infatti stabilito che dopo il ricorso di 66 vigili, tutti i 111 in organico dovranno restituire il pagamento degli straordinari di festivi infrasettimanali degli ultimi cinque anni.

“Come sindacato di categoria siamo fiduciosi – spiegano i segretari provinciali del S.u.l.p.m., Alessandro Bottari e Giovanni Novali – e crediamo che attraverso il ricorso presentato verranno finalmente riconosciuti i diritti dei nostri uomini che vengono chiamati in servizio durante i giorni festivi infrasettimanali”.

A dar manforte al sindacato, è il parere dell’avvocato Ferruccio Centonze: “Per legge i lavoratori turnisti hanno diritto al riposo compensativo o alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario per l’attività prestata in giorno festivo infrasettimanale”.

“Il Tribunale di Pavia – prosegue il legale – ha recentemente dato ragione all’esito di un ricorso promosso da alcuni dipendenti turnisti, aderenti al S.u.l.p.m., nei confronti del Comune di Voghera volta ad ottenere l’applicazione del trattamento economico e normativo secondo la legge.

Il Tribunale ha accolto la nostra linea difensiva secondo cui l’indennità è volta a compensare il lavoro prestato in giornate nelle quali il lavoratore avrebbe diritto di astenersi dall’attività lavorativa, ovvero in eccedenza alle ore settimanalmente esigibili.

Un diritto che spetterebbe – se non in turno – anche al lavoratore turnista; ogni diversa interpretazione della normativa collettiva sarebbe iniqua e foriera di gravi disparità di trattamento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.