BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cartelli in dialetto in tutta la Lombardia, la Lega presenta la legge

L'obiettivo del documento che presto sarà discusso dalla commissione cultura è “incoraggiare” l'uso e riconoscere una sorta di “bilinguismo” tra italiano e dialetto anche attraverso l'uso sui siti istituzionali e nella toponomastica.

Più informazioni su

Passano gli anni, ma la Lega Nord certe battaglia non le lascia cadere. E’ stata presentata nei giorni scorsi una proposta di legge regionale per valorizzare la “lingua lombarda” in tutte le sue varianti. L’obiettivo del documento che presto sarà discusso dalla commissione cultura è “incoraggiare” l’uso e riconoscere una sorta di “bilinguismo” tra italiano e dialetto anche attraverso l’uso sui siti istituzionali e nella toponomastica.

Molti Comuni bergamaschi da anni hanno deciso di utilizzare il dialetto bergamasco nei documenti ufficiali e sui cartelli marroni posizionati ai confini territoriali. Tra i più “dialettizzati” c’è Spirano, amministrato dal sindaco Giovanni Malanchini, coordinatore dei sindaci lombardi del Carroccio. Nell’intestazione delle lettere invikate ai cittadini si legge “Cumù de Spirà” e anche sul portale online il bergamasco non manca.

Il progetto di legge presentato in Regione però vuole anche dare una definizione univoca della lingua lombarda: “Si definisce Lombardo Classico, o Lingua Lombarda, quella lingua plurale- si legge alla proposta di articolo 2 – costituita da tutte le specifiche varianti utilizzate nel territorio della Lombardia, e nei territori in cui esse sono state mantenute, e appartenenti al continuum Gallo-Romanzo-Cisalpino. La presente legge – recita fra  ‘altro la proposta all’articolo 1 – promuove e valorizza l’identità culturale dei lombardi quale bene primario”.

Per studiare i dialetti la Lega Nord propone di istituire un Osservatorio regionale per la lingua lombarda. Le spese sono state preventivate in 300 mila euro per i prossimi tre anni. In commissione però l’opposizione, come sempre in questi casi, è pronta a dare battaglia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Fate qualcosa di più importante per tutti.

  2. Scritto da Groucho

    Ma se neanche i giovani bergamaschi doc lo capiscono il dialetto ?!? 300.000 € che diventeranno molti di più, per una cosa inutile superficiale e anacrinistica. Brava lega …..

  3. Scritto da Kurt Erdam

    Una cosa sciocca allocca e sprovveduta, in Italia si nasce sempre meno ed a meno che diventare un deserto prima o poi chi viene da fuori sarà maggioranza,prepariamoci a trovare una selva di cartelli nella lingua della maggioranza che sarà visto che si troveranno una consuetudine ed una legge già fatta.Per chi conosce solo le feste della birra della zona sappia che negli stati uniti lo spagnolo è più diffuso dell’inglese e nel Xinjiang (nord Ovest della Cina) i cartelli sono già in caratteri cinesi ed arabi(visti io).