BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nascerà presto il Cantone Bergamo? Maroni vuole copiare la Svizzera

In un futuro nemmeno troppo remoto potrebbe nascere quindi un cantone chiamato “Bergamo”, che secondo le prime ipotesi ricalcherebbe i confini dell'attuale Provincia.

Più informazioni su

Cosa succederà in Lombardia dopo l’abolizione delle Province? Il presidente di Regione Lombardo Roberto Maroni ha già un’idea: i cantoni. In un futuro nemmeno troppo remoto potrebbe nascere quindi un cantone chiamato “Bergamo”, che secondo le prime ipotesi ricalcherebbe i confini dell’attuale Provincia.

Il governatore lombardo ha così annunciato la nascita del comitato dai lui presieduto e ha spiegato che i compiti del nuovo organo – che si riunirà per la prima volta il 20 gennaio – saranno di “ridefinire i nuovi confini delle vecchie Province, riducendole da 12 a 8 aree omogenee, partendo dalle 8 ATS stabilite con la riforma della sanità, che io chiamerei gli ‘8 Cantoni della Lombardia’; verificare quali competenze lasciare alle nuove aree e quali prenda in carico la Regione; eliminare tutti i livelli intermedi, come, ad esempio le comunità montane che sono 23, è una sola ATS, per semplificare la vita ai cittadini, lasciando le strutture ma evitando sovrapposizioni nella gestione, concentrando nei comuni, nel livello intermedio, nella Regione tutti i poteri. Un ente solo a cui fanno capo tutte le competenze. Questa sarà la semplificazione più importante mai avvenuta in Lombardia. Adesso abbiamo l’opportunità di farlo con la riforma costituzionale e vogliamo anticipare i tempi, mettendoci subito in moto”.

“Faremo una consultazione con i sindaci, con il territorio, con tutti gli stakeholders ma entro giugno voglio definire una proposta da mandare al governo per l’attuazione, a partire da ottobre, del nuovo sistema istituzionale lombardo”, assicura il presidente lombardo che ricorda di essere, comunque, contrario alla riforma costituzionale, perché prevede “l’accentramento dei poteri a Roma, togliedoli alle Regioni.

Però, nell’ipotesi che venga approvata dal referendum che ci sarà in ottobre, io voglio essere pronto ad attuarla perché, altrimenti, oltre al danno c’è, anche, la beffa per i cittadini”, conclude.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.