BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caloriferi spenti e aule troppo fredde: scioperano gli studenti dei licei di Lovere

Un gruppo di studenti dell'Istituto Decio Celeri di Lovere ha deciso di scioperare nella giornata di mercoledì 13 gennaio: un segnale forte di protesta per la mancanza di riscaldamento delle aule che dura da quando hanno fatto rientro dalle vacanze natalizie.

Caloriferi che non funzionano da quando gli studenti sono tornati dalle vacanze natalizie. Una situazione di disagio che si assomma a problemi già presenti da tempo e così un gruppo di studenti del liceo Decio Celeri di Lovere (istituto che ospita gli indirizzi classico, scientifico ed artistico) mercoledì 13 gennaio ha incrociato le braccia e non è entrato a scuola.

Uno sciopero già minacciato alla fine della scorsa settimana ma le aule sono rimaste fredde anche nei giorni scorsi e così, attraverso una mobilitazione mediatica, gli studenti si sono accordati per rimanere all’esterno dell’istituto nella giornata di mercoledì. Si sono recati a scuola alle 8 come ogni giorno, ma un gruppo di loro si è fermato fuori dai cancelli dell’istituto per manifestare insofferenza non solo per le fredde temperature percepite nelle aule nei giorni scorsi, ma anche, come si legge dai post apparsi su facebook, per problemi come tapparelle rotte, porta principale di evacuazione con maniglia rotta e perciò inagibile e davanzali pieni di escrementi di piccioni”.

Sempre dai social network ex studenti del liceo spiegano con ironia e amarezza come già anni fa loro avessero organizzato scioperi per gli stessi motivi: mobilitazioni che, evidentemente, non hanno portato ai risultati sperati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    L’Italia è tutta così, o si spreca e pochi si fanno sentire.
    Oppure non c’è il necessario.
    Tutti innocenti?