BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, Diamanti è già a Bergamo, e per l’attacco spunta Quagliarella

Il fantasista di Prato è già sbarcato sotto le Mura per il nuovo contratto. Se partirà Denis pronto il sostituto: il granata e Borriello i principali indiziati

L’Atalanta è ormai pronta a riportare in serie A Alessandro Diamanti, fantasista di Prato in arrivo in prestito dai cinesi del Guangzhou Evergrande dopo la sfortunata parentesi col Watford. L’ex Bologna e Fiorentina è già sbarcato a Bergamo per firmare il contratto che lo legherà al club nerazzurro fino a giugno, in attesa poi di decidere il proprio futuro.

Non è da escludere che possa essere a disposizione di Reja già per il match di sabato con l’Inter di Mancini.

Talento purissimo, sbocciato però troppo tardi: Diamanti, classe 1983, non ha mai avuto l’occasione di competere per coppe o scudetti.

A Livorno e nel capoluogo emiliano le sue esperienze più importanti. Nel mezzo le parentesi con West Ham e Brescia, e un passaggio piuttosto anonimo alla Fiorentina quando, dopo il fallimento, si chiamava ancora Florentia Viola nella vecchia serie C, nel 2003, prima del ritorno del gennaio di un anno fa caratterizzato da 2 gol in 11 partite. Troppo poco, secondo i Della Valle, per spendere i 3 milioni già fissati dal club cinese per il riscatto definitivo del cartellino.

Calciatori

Diamanti Bergamo la conosce già bene avendo giocato per un anno e mezzo al Comunale con la maglia dell’AlbinoLeffe. Anche quella, però, non è stata un’esperienza da ricordare per un giovanissimo Alino, che chiuse con 0 gol in 26 presenze.

Era giunto in prestito dal Prato nell’estate del 2004 per poi farvi ritorno nel gennaio del 2006, senza troppi rimpianti.

Alessandro Diamanti

Lascia, dopo meno di sei mesi, il Watford.

In Inghilterra le cose sono andate tutt’altro che bene per l’ex Fiorentina che è stato utilizzato solo 65 minuti. Una miseria per un calciatore del calibro di Diamanti che sogna di andare all’Europeo con la maglia dell’Italia, quella stessa maglia che tra il 2012 e il 2014 l’ha visto protagonista con Cesare Prandelli in panchina.

Fu suo, nella magica notte del 24 giugno 2012, il calcio di rigore che stese l’Inghilterra nel quarto di finale di un Europeo che vide gli azzurri sconfitti solo dalla Spagna nella finalissima. Diamanti, allora, era uno dei punti fermi dell’ex ct, probabilmente destinato a partecipare anche alla spedizione brasiliana se non avesse scelto di sposare il progetto cinese del Guangzhou nel gennaio del 2014 (spinto anche dal Bologna, che aveva bisogno di finanze per far respirare le casse societarie).

Calciatori

Reja lo aspetta a braccia aperte: Diamanti – con la sua classe – può essere l’elemento giusto per creare occasioni da gol assieme a un altro fantasista, quel Papu Gomez che dopo la partenza di Maxi Moralez ha viste attirate su di sé tutte le attenzioni delle difese avversarie, diminuendo di fatto il suo rendimento.

Intanto, per il ruolo di centravanti è spuntato il nome di Fabio Quagliarella: il bomber del Torino è finito sul mercato dopo la spaccatura coi tifosi granata e il ritorno di Ciro Immobile dal Siviglia. Può partire, e rappresenta una possibilità concreta per l’Atalanta.

Calciatori

Atalanta che martedì ha sondato il terreno col Carpi per Marco Borriello, con gli emiliani che hanno chiesto Marco D’Alessandro. L’ipotesi scambio è un’altra possibilità.

Così come resta una possibilità Alberto Paloschi, ma per convincere il Chievo a cedere servono tanti soldi, almeno 8-10 milioni cash. Troppi.

Tutte le piste per il nuovo attaccante restano comunque in piedi, ma bisognerà prima capire il futuro di German Denis: se il Tanque partirà (l’Independiente lo vuole), allora arriverà il suo sostituto. E potrebbe essere uno tra Quagliarella, Borriello e Paloschi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.