BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Notte fonda per l’Atalanta: Genoa corsaro, quarto ko consecutivo fotogallery

Nerazzurri spenti e irriconoscibili, contro gli uomini di Gasperini un'altra amarissima sconfitta. E sabato a Bergamo arriva l'Inter di Mancini

Più informazioni su

Niente da fare, per l’Atalanta è notte sempre più fonda. Col Genoa, arrivato a Bergamo dopo cinque sconfitte di fila (l’ultima nel derby con la Samp), arriva il quarto ko consecutivo.

Intendiamoci subito: la classifica resta tranquillissima, dietro le avversarie vanno a rilento e la zona calda resta ben lontana (a -9), ma in casa nerazzurra il campanello d’allarme è giusto che inizi a suonare. Contro i liguri, infatti, non è mancato solo il risultato, ma non si sono visti neppure gioco, carattere e voglia di vincere.

Il primo tempo è stato caratterizzato da noia e sbadigli, mentre nella ripresa, complice anche l’ingresso di un Diego Capel che ha trasformato la gara, il match è diventato frizzante e vivace.

E tra il 34′ e il 36′ il Genoa ha piazzato l’uno-due da ko per i bergamaschi: prima Dzemaili (appena entrato), poi il solito Pavoletti hanno battuto Sportiello e consegnato a Gasperini i tre punti che sanno tanto di ossigeno vitale per una squadra, quella rossoblù, che non vinceva dal 22 novembre dello scorso anno.

Per l’Atalanta, come detto, è notte fonda. Sabato, contro l’Inter di Mancini, servirà tutta un’altra marcia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano b.

    Reja non voleva Moralez.
    Accontentato.
    Se un allenatore non capisce i parametri, i limiti e le aspettative di una squadra come l’Atalanta e vende l’unico giocatore capace di rendere il gioco spumeggiante e ficcante, è meglio che se ne vada subito.
    Si finisce come dopo aver venduto Bonaventura, con le dita incrociate.