BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Succose e profumate, al mercato è la stagione delle arance tarocco

Sono le arance tarocco il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco: buona la disponibilità e la qualità della merce offerta con quotazioni già molto favorevoli sulle pezzature medio piccole.

Più informazioni su

Sono le arance tarocco il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Tra le varietà di arance disponibili sulla piazza, quella che la fa e farà da padrona da qui in poi è sicuramente il “tarocco” con origine prettamente siciliana.

Buona la disponibilità e la qualità della merce offerta, con quotazioni già molto favorevoli sulle pezzature medio piccole, eccezionali per spremute, mentre per le pezzature grosse, un’evidente carenza di prodotto impone quotazioni di tutt’altro valore.

Apprezzate da grandi e piccini, sono ricche di proprietà benefiche per la salute e il benessere dell’organismo. Innanzitutto, sono un’importante fonte di vitamine, specialmente C e A, ma anche buona parte di quelle del gruppo B. La vitamina C è utile perchè contribuisce a rafforzare il sistema immunitario e per questo si dice che aiuti a prevenire raffreddori e malattie da raffreddamento. Il consumo di arance, poi, contribuisce alla ricostituzione del collagene del tessuto connettivo: per questo motivo è indicato per rafforzare le ossa e i denti, le cartilagini, i tendini e i legamenti, ma anche per aiutare nella prevenzione della fragilità capillare e per migliorare il flusso venoso. Una caratteristica che rende le arance utili anche per chi soffre di cellulite perché migliorando la circolazione sanguigna si può evitare il “ristagno” del sangue, principale causa dell’insorgenza di questo inestetismo. La vitamina C contenuta nell’arancia, inoltre, ha evidenziato proprietà antianemiche poiché favorisce l’assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi.

Secondo alcune ricerche, infine, mangiate regolarmente in una dieta ricca di frutta e verdura, le arance sarebbero efficaci nella prevenzione dei tumori del colon, del retto e della mammella.

In cucina possono essere gustate al naturale, in macedonia o in insalate, oppure adoperate per cucinare ottimi primi piatti, come pastasciutta e risotto, oppure, abbinate ad altre verdure come le carote o la zucca, possono dare un originale sapore a zuppe e vellutate. Anche per i secondi piatti la scelta delle ricette è ampia: si può spaziare dalla carne rossa, utilizzando le arance per accompagnare arrosti e spezzatini, ma anche per pesce, pollo e il tradizionale petto d’anatra.

Infine, si possono usare anche per preparare tanti dessert, ad esempio torte, gelato e creme.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo orobico, si nota che, dopo la consueta frenesia evidenziata durante le giornate direttamente precedenti le festività, la prima settimana dell’anno pare essere tutt’altra cosa, caratterizzata da compravendite meno frenetiche ed inferiori anche in termini di volumi. È ancora buono il rapporto qualità prezzo per le clementine o mandaranci che dir si voglia, anche se nella massa si registra una qualità inferiore a quanto rilevato in precedenza, ma nessun problema da qui in poi si potrà orientare la propria scelta anche sui mandarini siciliani: un tono di colore della buccia più giallastro, una forma più compressa ai poli e la presenza dei semi all’interno degli spicchi sono peculiarità che permettono di distinguere i mandarini dai mandaranci.

Dopo il periodo prefestivo dove le quotazioni delle fragole erano lievitate in maniera piuttosto considerevole, ora durante la prima settimana dell’anno si rileva una buona disponibilità di prodotto, una richiesta poco incisiva e prezzi decisamente più convenienti.

Passando al comparto orticolo, nonostante l’attuale abbassamento delle temperature, la disponibilità di verdure con provenienza locale è evidentemente superiore alle aspettative: insalate, bietole da costa, bietole da taglio erbette, cavoli verza e l’ineguagliabile indivia scarola dei colli bergamaschi, sono le principali referenze attualmente offerte dalla produzione locale bergamasca.

È piuttosto confuso, invece, il mercato dei fagiolini tipo boby: disponibilità irregolare, qualità altalenante delle partite e prezzi con grandi oscillazioni sono le condizioni che momentaneamente caratterizzano la situazione del prodotto. Per ora la referenza principale rimane con origine nordafricana.

Per concludere, va annotato che è tendente al rialzo il valore di mercato dei peperoni spagnoli e conseguentemente anche del prodotto nazionale, ma la domanda pare ferma al palo, è quindi possibile che i prezzi possano nuovamente tornare entro le quotazioni precedenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.