BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Processo Bossetti, la difesa: ecco perchè quel furgone non è suo

Il criminologo Ezio Denti, consulente del pool della difesa di Massimo Giuseppe Bossetti - il carpentiere di Mapello a processo come presunto assassino della 13enne Yara Gambirasio - in aula ha smontato il lavoro svolto dagli inquirenti, in particolare il furgone del carpentiere ripreso da tre telecamere di videosorveglianza: "Non può essere quello dell'imputato".

“Il furgone ripreso dalle telecamere di Brembate non è quello di Bossetti”.

Ne è certo il criminologo Ezio Denti, consulente del pool difensivo di Massimo Giuseppe Bossetti, il carpentiere di Mapello a processo per il brutale delitto di Yara Gambirasio.

Nella sua deposizione di fronte alla Corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja, Denti ha criticato il lavoro svolto dagli inquirenti, che hanno identificato il furgone ripreso dalle telecamere di Brembate, la sera della scomparsa della tredicenne, il 26 novembre 2010.

Il noto criminologo, una delle carte più importanti per il carpentiere, ha parlato di “un’errata modalità nell’acquisizione delle immagini incriminate da parte dei carabinieri, aggiungendo che potrebbero mancare spezzoni importanti nelle riprese”.

Denti ha poi parlato della sincronizzazione delle tre telecamere utilizzate (quelle della ditta Polynt, della banca Bcc di Sorisole e di un distributore Shell): “Non erano sincronizzate esattamente tra di loro, e non è quindi chiaro a quali orari si riferiscono le riprese”.

Poi ha parlato delle caratteristiche del furgone ripreso: “Non può essere quello dell’imputato – ha spiegato Denti -. Lo abbiamo capito con le nostre proiezioni autocad: quello nelle immagini ha un passo più corto di quello di Bossetti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il Conte

    Se vero, Dio mio quanto dilettantismo.
    Meglio non avere mai a che fare con la giustizia.

  2. Scritto da il polemico

    se davvero è bossetti il colpevole,bastava far sparire il furgone da subito,che il gioco era fatto,e gli inquirenti si sarebbero dovutti attaccare,almeno per queste prove