BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Piano anti smog: dopo 30 giorni oltre i limiti, blocco di tutte le auto sotto Euro 6”

Il documento sarà proposto dalla Provincia durante la prossima riunione dei sindaci dell'area critica convocata settimana prossima.

Un piano di intervento a tre livelli di rischio: 7, 20 e 30 giorni di superamento dei limiti di Pm10 imposti dalla legge. Il documento sarà proposto dalla Provincia durante la prossima riunione dei sindaci dell’area critica convocata settimana prossima per varare le misure da attivare in caso di nuova emergenza smog.

A differenza della prima ipotesi già lanciata dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori (leggi qui), via Tasso ha voluto inserire un terzo livello con provvedimenti ancor più restrittivi e agevolazioni per l’utilizzo dei mezzi pubblici.

Partiamo dal caso più grave: 30 giorni di superamento dei limiti di 50 microgrammi di Pm10 per metro cubo, anche con piccoli periodi di sottosoglia al netto delle condizioni meteorologiche. In questo caso la Provincia propone, nei territori dei Comuni che aderiranno, il blocco di tutti i veicoli non Euro 6 o con alimentazione alternativa (Gpl, metano) e divieto di circolazione dei Diesel Euro 3 sulle strade di competenza provinciale. La misura compensativa è l’introduzione di un biglietto Atb a 1 euro su tutta la rete. Si tratta di provvedimento che a prima vista può sembrare eccessivo, ma verrebbe attivato solo in casi estremi come appunto il superamento dei limiti di 30 giorni consecutivi.

Il livello inferiore, con 20 di giorni oltre la soglia, contempla le targhe alterne e la riduzione della velocità a 30 chilometri orari nel centro urbano oltre all’introduzione del biglietto unico Atb come previsto a fine dicembre.

Nell’ultimo caso, dopo 7 giorni oltre i 50 micogrammi per metro cubo, verrebbe reintrodotta l’ordinanza con il divieto di circolazione dei Euro 3 Diesel.

Questa proposta non è stata ancora presentata ai sindaci dell’area critica che si riuniranno martedì prossimo per decidere e approvare un documento condiviso. Non è detto che questi interventi siano adatti a tutti i territori, dove ogni primo cittadino può decidere in autonomia. La spinta propositiva della Provincia, nonostante le difficoltà in cui grava l’ente in questo momento, potrebbe essere decisiva.

Abbiamo realizzato un’infografica in cui viene sintetizzata la proposta:

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da usiamo il cervello

    Neanche una parola per gli aerei che inquinano per l’equivalente di duecentomila auto al giorno??? Ah già, ma la Provincia è azionista di rilievo di SACBO. Della serie fate quello ceh dico ma non quello che faccio…

    E poi lo sanno che un SUV euro 6 inquina di più di una utilitaria euro 3???

    Forse abbiamo capito perchè hanno abolito le Provincie. E’ che purtroppo non hanno abolito i politici delle Provincie…

    1. Scritto da il polemico

      quindi si deve abolire l’aereo?e poi come ci vai in vacanza?fino a quando non perfezioneranno il teletrasporto,meglio dell’aereo non c’è nulla,a meno che tu non inventi un aereo elettrico

      1. Scritto da Il Conte

        Vai in vacanza dopo che sei rientrato nei parametri