BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il governo cancella il reato di clandestinità, Maroni: “Cose da matti, sarà invasione”

Il governo ha pronto il decreto che cancellerebbe il reato di clandestinità introdotto nel 2009 dall'allora ministro dell'Interno Roberto Maroni che su Twitter non nasconde la propria perplessità: “Prepariamoci all'invasione”.

Renzi cancella per decreto il reato di immigrazione clandestina: prepariamoci all’invasione #cosedamatti”: sta tutta in un tweet la perplessità del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni sul provvedimento, pronto ad entrare in vigore, che abrogherà le norme introdotte dal governo Berlusconi in materia di clandestinità.

Nel mirino è finito l’articolo 10bis della cosiddetta “Bossi-Fini”, oggetto di emendamento con il decreto sicurezza nel 2009 quando ministro dell’Interno era proprio l’attuale governatore della Lombardia mentre Angelino Alfano era ministro della Giustizia, oggi affidato ad Andrea Orlando che ha voluto fortemente il provvedimento.

Provvedimento sul quale si sono espressi in modo favorevole, con la sola esclusione degli alfaniani, la Commissione Giustizia della Camera e il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti ma che ha trovato la forte opposizione di Angelino Alfano e del suo Nuovo Centrodestra. Un ostacolo non da poco visto che si tratta del parere del titolare del Viminale.

Il decreto sulla depenalizzazione, quindi, è slittato alla prossima settimana: abrogando l’articolo 10bis verrebbe eliminata la multa da 5 a 10mila euro ma non l’espulsione dal territorio italiano, che resterà invece in vigore.

Molto critico anche il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli: “Siamo alla pazzia. Questo Governo frutto delle maggioranze variabili con i voti del Pd e dei Cinque Stelle aveva già approvato una legge delega per abolire il reato di clandestinità e ora vuole passare dalle parole ai fatti, con un decreto del Governo per abrogare questo reato e aprire all’invasione. Il mondo qui in Italia va proprio alla rovescia: mentre in tutta Europa tutti gli Stati stanno irrigidendo le norme sull’immigrazione, arrivando persino a sospendere Schengen, mentre la Francia studia strumenti per revocare la cittadinanza e la Germania accelera le espulsioni dei migranti economici, qui a casa nostra si fa l’esatto opposto favorendo l’immigrazione con lo ius soli e lo ius culturae e ora persino volendo abrogare il reato di clandestinità. Siamo davvero alla pazzia”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cipolla

    Questi sono veramente fuori di testa …..fino a quando sparano cazzate va beh, ci siamo abituati, tutti i governi chi più chi meno lo hanno sempre fatto e lo faranno sempre – Ma adesso stanno veramente diventando pericolosi – Forse bisognerebbe avvisare il FENOMENO e la sua gang che noi purtroppo viviamo non su marte dove sembra viva lui – Dovrebbe veramente fare l’imbonitore da circo come sa fare bene e vendere i frigoriferi agli esquimesi…….RENZI SVEGLIATI

    1. Scritto da Il Conte

      Ma Renzi è sveglio, fin troppo. E’ il popolo italiano addormentato.
      Si sveglierà quando si accorgerà che gli avranno calato del tutto le braghe

  2. Scritto da Il Conte

    “C’ era una vorta un Re cche ddar palazzo/
    mannò ffora a li popoli st’ editto/
    Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo”.

    Giuseppe Gioachino Belli (alias Matteo Renzi)