BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pace fatta tra l’Asl e la mamma di Giorgio, sveglio dopo 5 anni di stato vegetativo

Dopo la denuncia contro la burocrazia e i controlli dell'Asl, Rosa Vigani Grena mamma di Giorgio, il giovane che si è risvegliato da uno stato vegetativo dopo 58 mesi da un incidente stradale, ha incontrato Mara Azzi, direttrice dell'Asl di Bergamo.

Rosa Vigani Grena non è tipo da bandiera bianca. Forse è anche merito suo se suo figlio Giorgio, dopo 58 mesi di minima coscienza dovuto ad un incidente stradale si è svegliato.

Battagliera come sempre, Rosa Vigani nei giorni scorsi proprio con un video a Bergamonews aveva chiesto all’Asl di abolire controlli e snellire la burocrazia per aiutare famiglie che, come la sua, vivono con persone con gravi problemi di deambulazione.

A stretto giro di posta era arrivata la risposta di Mara Azzi, direttrice dell’Asl di Bergamo.

Se pensate che il botta e risposta fosse finito su tutti i quotidiani per poi concludersi in un nulla di fatto, dovete ricredervi.

Rosa Vigani Grena e Mara Azzi si sono incontrate nella sede dell‘Asl di Bergamo lunedì 4 gennaio. Incontro riservatissimo durato quasi due ore.

“Abbiamo chiarito tutto e mi piace che gli utenti abbiamo un rapporto diretto con l’Asl” ha tagliato corto Azzi che non ha voluto rilasciare altre dichiarazioni.

Più generosa Rosa Vigani Grena: “È stato un incontro molto utile, le ho raccontato tutta la storia di Giorgio e tutte le fatiche che abbiamo dovuto affrontare in questi anni per ottenere ciò che spetta a persone che vivono gravi problemi come mio figlio Giorgio. Il tema della burocrazia è rimasto al centro del nostro discorso, ma ho trovato la dottoressa Azzi molto attenta e disponibile ad intervenire. Come ho ribadito anche nella mia prima esternazione, faccio questa battaglia per tutte quelle persone e per quelle famiglie che vivono dei veri drammi e che necessitano di aiuti”.

Polemica rientrata? Pare proprio di sì. Anzi, sembra sia nato un filo diretto tra le Rosa Grena e Mara Azzi per superare eventuali ostacoli che riguardano altri casi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.