BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcio, paese artistico da visitare: parola del Touring Club Italiano foto

Il sito internet dell'associazione dedicata al turismo parla di dodici borghi lombardi da scoprire. Tra questi anche il paese della Bassa, conosciuto negli ultimi mesi soprattutto per episodi di cronaca

Più informazioni su

Calcio è un paese ricco di arte e che merita di essere visitato. E’ quanto afferma il Touring Club Italiano in un articolo pubblicato sul proprio sito on line.

Il sito internet dell’associazione dedicata al turismo, fondata nel 1894 e che conta circa 300 mila soci, dedica una recensione a un volume in cui si parla di dodici borghi lombardi da scoprire.

Tra questi anche Calcio, il paese della Bassa conosciuto negli ultimi mesi soprattutto per episodi di cronaca, che secondo gli esperti merita di essere visitato per le sue opere artistiche.

“Se una mattina d’inverno un viaggiatore si trovasse a percorrere la BreBeMi, l’autostrada inaugurata nel 2014 per collegare più agilmente Milano e Brescia – si legge – , avrebbe l’opportunità di appagare il proprio sguardo fermandosi alla seconda uscita partendo da Milano: quella di Calcio.

Questo borgo, le cui facciate delle case raccontano storie dipinte da artisti, è stato il primo che abbiamo visitato in una giornata nevosa di fine 2013. Qui è nata l’idea, poi diventata realtà che ha il profumo della carta, di scrivere una Guida ai paesi dipinti di Lombardia, con i cento turismi di cultura e in natura (edita da Booktime, 224 pagine, 16 euro, con un invito alla visita dello storico dell’arte Flavio Caroli e con info utili anche in inglese).

Una guida che accompagna tra le vie e le storie di dodici borghi, selezionati tra i 27 lombardi che compongono un mosaico multicolore, parte del più ampio mosaico nazionale formato da oltre 200 paesi dipinti. Tesserine che fanno brillare le nostre regioni in modo unico, promuovendo un turismo più lento e lontano dai soliti circuiti: perché, come dice Caroli “l’Italia minore spesso è l’Italia migliore da cui ripartire”.

Andare a Calcio è stato come tornare ai tempi delle origini romane del luogo e ai giorni in cui la nobile Beatrice Regina della Scala, moglie di Bernabò Visconti, deteneva il privilegio ducale nell’area “Calciana” (1366).

Un’emozione resa possibile da un’iniziativa comunale del 1995 che ha visto come direttore il critico d’arte Mauro Corradini di Brescia, e ha coinvolto sia pittori di calibro sia allievi delle Accademie d’arte di Brera, Sassari, Birmingham, Vienna, Barcellona”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.