BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un altro presepe profanato: decapitato Gesù bambino a Treviglio foto

Vandali nella notte hanno rubato la statua di Gesù bambino dal presepe di piazza Manara, decapitandola e lasciandola poi poco lontano in via Sangalli: sul caso indaga il commissariato di Treviglio.

Si allunga la lista dei presepi profanati in provincia di Bergamo: l’ultimo caso in ordine di tempo risale alla notte tra domenica 3 e lunedì 4 gennaio quando a finire nel mirino dei vandali è stata la capanna di piazza Manara a Treviglio, di fronte al Comune.

Un raid veloce per trafugare la statua del Gesù bambino, poi decapitata e lasciata poco distante in via Sangalli: questa, secondo gli inquirenti, la ricostruzione più probabile di un episodio che potrebbe avere degli sviluppi in seguito alla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona.

Gesù bambino Treviglio

Su quanto accaduto a Treviglio indaga il Commissariato di polizia diretto da Angelo Lino Murtas mentre rimangono ancora senza responsabili gli atti vandalici a Torre de’ Roveri, Albino, Dorga e Ghiaie di Villa d’Almè. A Dorga, in particolare, il caso più simile a quello trevigliese: ad essere decapitata era stata la statua di San Giuseppe mentre quella di Gesù bambino era stata rubata e poi riposizionata senza un dito.

A Torre de’ Roveri i vandali avevano distrutto tutte le statuette della capannina, ad Albino il Gesù bambino era stato fatto a pezzi così come alle Ghiaie di Villa d’Almè, dilaniato dall’esplosione di un petardo.

Attorno alle 8 di lunedì mattina la Polizia Scientifica di Treviglio è intervenuta in via Sangalli a supporto della polizia locale comandata da Antonio Nocera che poco prima aveva rinvenuto la statua decapitata appoggiata sul davanzale di una finestra: sul Gesù bambino sono stati trovati frammenti di impronte che potrebbero risultare utili nell’identificazione dei vandali. 

Gesù bambino Treviglio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pluto

    Mi sa che dietro questi episodi (di numero davvero eccessivi quest’anno)c’é una gran voglia di seminar zizzania oltre quella che c’é già in tema.

  2. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

    Bene, pure la polizia scientifica per indagare su una bravata da ragazzi, ma è normale, tanto abbiamo tempo e soldi da buttare che possiamo anche permettercelo… :\

    Ma vi pare che tra tutti i problemi legati alla criminalità e alla sicurezza in generale vadano impiegate risorse per una banalità del genere che riguarda un simulacro inutile?
    Io piuttosto troverei più sensato una indagine della corte dei conti per capire se l’amministrazione (pubblica e laica per definizione) abbia speso soldi della collettività per installare quelle pagliacciate religiose per le strade…

    1. Scritto da il polemico

      c’è un danneggiamento di prorpietà altrui,e tu dici che nessuno si deve sbattere per trovare i responsabili ed magari evitare altri danneggiamenti altrui…..fai questo ragionamento se danneggeranno le cose tue,ma non quelle degli altri….anno nuovo,farlocchi nuovi vedo