BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I sindaci pronti a varare un protocollo contro l’emergenza smog foto

Un protocollo operativo con l'obiettivo di affrontare nuove emergenze smog attraverso misure strutturali in caso di innalzamento sistematico del livello del Pm10.

Un protocollo operativo con l’obiettivo di affrontare nuove emergenze smog attraverso misure strutturali in caso di innalzamento sistematico del livello del Pm10.

Il documento verrà studiato nei prossimi giorni e sottoposto a tutte le amministrazioni dell’area critica, così come deciso dal tavolo di coordinamento riunito nella sala Viterbi della provincia di Bergamo. La stessa assemblea dei primi cittadini ha stabilito di rinnovare il Patto dell’Aria con provvedimenti che verranno redatti da un gruppo di lavoro coordinato da via Tasso.

Nel frattempo verrà applicato un protocollo istituzionale ancora in fase di definizione. L’idea è stata lanciata dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori e raccolta dagli altri amministratori: “Ci siamo riuniti in Giunta per discutere del tema inquinamento e abbiamo pensato che sarebbe opportuno studiare misure automatiche in caso di superamento dei limiti per diversi giorni. Per fare un esempio indicativo: dopo sette giorni di superamento della soglia, all’ottavo giorno variamo un’ordinanza di limitazione del traffico degli Euro 3 Diesel. Dopo 20 giorni consecutivi si possono attivare le targhe alterne e così via. Non è detto che queste misure vadano bene per tutte le amministrazioni”.

Il sindaco di Seriate Cristian Vezzoli, che settimana scorsa ha lanciato la prima riunione di coordinamento tra le amministrazioni, invita a puntare anche sulla sensibilizzazione: “L’emergenza smog non parte da dicembre 2015. Accanto alle buone intenzioni di governo e Regione dobbiamo rimettere sul tavolo il patto dell’aria. Noi abbiamo dato due direttive: abbassare il riscaldamento degli edifici e contenimento del traffico inquinante. Inoltre sarebbe bene varare iniziative di sensibilizzazione: dobbiamo far capire ai cittadini che la salute è un bene primario”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.