BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prezzo iniziale, sconto e cambio merce: tutte le regole dei saldi al via martedì

Iniziano martedì 5 gennaio i saldi invernali in Lombardia: i primi segnali di ripresa nel settore fanno ben sperare i commercianti che, dal canto loro, devono attenersi a precise regole.

Tutti pronti ai nastri di partenza: martedì 5 gennaio prendono il via i saldi invernali, appuntamento attesissimo dai consumatori che, storicamente, si concedono qualche acquisto in più, approfittando delle offerte e delle occasioni che offre il mercato.

Un appuntamento spesso accompagnato però dalle polemiche per il comportamento scorretto di alcuni negozianti, bacchettati tanto dalle associazioni di categoria quanto dai colleghi, che non seguono esattamente le indicazioni: un punto sul quale ha insistito Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, che ha ricordato quali siano le regole che disciplinano la materia “saldi”.

“I commercianti hanno l’obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l’indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso); i prodotti in saldo devono essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non e’ possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli; se il prodotto risulta difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare. Tutte le normative sono pubblicate e consultabili sul portale di Regione Lombardia nella sezione dedicata al Commercio”.

L’operatore commerciale, inoltre, ha l’obbligo di fornire informazioni veritiere in merito agli sconti praticati sia nelle comunicazioni pubblicitarie (che, anche graficamente, non devono essere presentate in modo ingannevole per il consumatore) sia nelle indicazioni dei prezzi nei locali di vendita; non può inoltre indicare prezzi ulteriori e diversi e deve essere in grado di dimostrare agli organi di controllo la veridicità delle informazioni relative al prodotto.

“I primi segnali di ripresa e il pur timido incremento delle vendite registrato nel settore del commercio in questi ultimi mesi fanno sperare in un buon inizio dei saldi invernali – ha continuato Parolini -. Già nel periodo natalizio si è visto un cambio di tendenza positivo, rispetto all’anno scorso, che sta gradualmente ridando fiducia a esercenti e consumatori e che credo si possa consolidare con un proficuo epilogo nei saldi di stagione”.

In qualità anche di presidente della Commissione regionale per la Tutela dei consumatori, l’assessore Parolini ha inoltre rimarcato che “i saldi devono essere una sana opportunità per il rilancio della domanda, in un positivo rapporto tra esercente e acquirente, che deve essere improntato al rispetto del quadro normativo attualmente in vigore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.