BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pericolo incendi: niente botti fino al 6 gennaio nei Comuni della Presolana

Niente botti a Capodanno e fino al sei gennaio a Castione, Cerete, Fino del Monte, Onore, Rovetta e Songavazzo: troppo alto il rischio di incendi in boschi e pascoli a causa della mancanza di precipitazioni.

I Comuni dell’Unione della Presolana dicono no ai botti fino al 6 gennaio: con un’ordinanza emanata martedì 29 dicembre e sottoscritta dal comandante della Polizia Locale Salvatore Police, Castione della Presolana, Cerete, Fino del Monte, Onore, Rovetta e Songavazzo stoppano fuochi d’artificio, petardi, mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici.

Un provvedimento motivato soprattutto dal permanere di un clima troppo pericoloso per gli incendi, dall‘inquinamento atmosferico e dalla pericolosità per persone e animali.

La decisione è maturata in seguito ad attente valutazioni sul piano ambientale, con l’eccezionale siccità in boschi e pascoli a causa della mancanza di precipitazioni che diventa terreno fertile per il divampare degli incendi: “Nel periodo di fine anno – si legge nell’ordinanza – è consuetudine effettuare l’accensione e lancio di fuochi d’artificio, spari di petardi e scoppi di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici che, considerate le attuali condizioni climatiche, potrebbero dar luogo ad incendi coinvolgendo le pendici montuose, le zone boschive e gli edifici oltre il perimetro dei centri abitati”.

Ravvisata anche la necessità di adottare provvedimenti di prevenzione incendi e salvaguardia del benessere di persone e animali il comandante ha ordinato “con effetto immediato” il divieto di utilizzo di qualsiasi artificio pirotecnico “su tutto il territorio dell’Unione dei Comuni della Presolana nel contro urbano ed extraurbano, al fine di scongiurare il pericolo di incendi e garantire la sicurezza, la salute e il benessere di persone e animali fino al perdurare delle condizioni climatiche di siccità e comunque fino al 6 gennaio 2016”.

L’inosservanza del divieto potrebbe costare ai trasgressori una multa da 25 a 500 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.