BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Milano lo smog è aumentato nonostante il blocco totale del traffico

Nella centralina di via Pascal il Pm10 è salito da 57 grammi al metro cubo a 67, a Senato è passato da 63 a 66 mentre a Verziere è rimasto a 60, sempre comunque sopra la soglia consentita dalla legge.

Più informazioni su

Niente auto a Milano grazie al blocco totale deciso dall’amministrazione, ma la qualità dell’aria non migliora. Anzi, peggiora. Nella centralina di via Pascal il Pm10 è salito da 57 microgrammi al metro cubo a 67, a Senato è passato da 63 a 66 mentre a Verziere è rimasto a 60, sempre comunque sopra la soglia consentita dalla legge. I numeri sono stati resi noti da Arpa che ha comunicato il bollettino nella mattinata di martedì 29 dicembre.

Andrà meglio a Bergamo con le targhe alterne? Fare peggio di lunedì 28 dicembre è difficile. Nella centralina di via Meucci sono stati misurati 97 microgrammi al metro cubo, mentre in quella di via Garibaldi 96. Male anche a Dalmine, 77. Continua la tregua nella Bassa bergamasca con Treviglio, Casirate d’Adda e anche a Trezzo d’Adda con 30 microgrammi al metro cubo.

Salgono a 99 i giorni di superamento dei limiti dall’inizio dell’anno a Milano, rispetto ai 35 previsti dalla normativa. Alla stessa data, l’anno scorso, particolarmente piovoso, a Milano i giorni di superano erano invece stati 68, 81 nel 2013, 104 nel 2012, 130 nel 2011, 82 nel 2010, 103 nel 2009, 109 nel 2008, 129 nel 2007, 146 nel 2006, 150 nel 2005, 134 nel 2004, 151 nel 2003, 162 nel 2002.

Le previsioni del Servizio Meteorologico regionale di ARPA Lombardia indicano un progressivo cedimento dell’area di alta pressione e, tra domani e giovedì 31, variabilità per il passaggio di due deboli perturbazioni atlantiche che interesseranno solo marginalmente la Lombardia. Ciò favorirà un calo delle temperature, soprattutto in montagna, e qualche rinforzo di vento anche in pianura. La ventilazione da est potrà favorire il trasporto degli inquinanti verso ovest sarà , quindi, relativamente favorita la dispersione sulla pianura orientale, con condizioni neutre o debolmente favorevoli all’accumulo sulla pianura occidentale.
Da sabato 2 gennaio si aprirà una nuova fase, destinata probabilmente a durare diversi giorni, con condizioni atmosferiche generalmente più favorevoli al transito di veloci perturbazioni e al rinforzo del vento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.