BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Domenica poche auto a Bergamo, ma Pm10 ancora sopra i limiti foto

Domenica 27 dicembre in via Meucci la media di Pm10 è stata di 53, mentre 57 sono stati registrati in via Garibaldi, entrambi oltre il limite di 50. Il tutto con una città quasi deserta grazie al furore dei regali scemato.

Più informazioni su

Non è servita nemmeno la domenica di transizione tra Natale e Capodanno, con pochissime auto in città, per abbassare l’inquinamento dell’aria. Parlano i dati Arpa rilevati dalle centraline posizionate in via Garibaldi e in via Meucci a Bergamo.

Domenica 27 dicembre in via Meucci la media di Pm10 è stata di 53, mentre 57 sono stati registrati in via Garibaldi, entrambi oltre il limite di 50. Il tutto con una città quasi deserta grazie al furore dei regali scemato.

La situazione non è migliore nell’hinterland: a Lallio media di 58, a Dalmine 60, a Filago 64, a Osio Sotto 56.

E’ tregua solo nella Bassa bergamasca: a Treviglio i Pm10 si sono fermati a 37, a Casirate d’Adda 31.

Martedì 29 e mercoledì 30 l’amministrazione comunale di Bergamo ha deciso di varare le targhe alterne per cercare di migliorare la qualità dell’aria. Solo con i dati rilevati dalle centraline si potrà capire se il provvedimento sarà stato efficace.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    L’inquinamento che produciamo per colpa dei nostri stili di vita è sotto gli occhi di tutti. Qualche scienziato dice che è già troppo tardi, altri dicono che non dobbiamo perdere altro tempo, i fenomeni dicono che non è colpa nostra.
    Di fronte all’evidenza direi che ognuno di noi deve fare la sua piccola o grande parte.
    Dobbiamo smetterla di lamentarci e fare le vittime, SIAMO I CARNEFICI, stiamo facendo ammalare e morire molte persone per l’inquinamento. VIA ALLE TARGHE ALTERNE, VIA AI BLOCCHI DEL TRAFFICO, VIA A BIGLIETTI SCONTATI CON MEZZI PUBBLICI, IMPOSTARE TERMOSTATI MASSIMO 19° E NON PIU’ DI 10 ORE AL GIORNO, STOP A CAMINI E STUFE A LEGNA, RISTRUTTURAZIONI ISOLATE DA CLASSE A, FOTOVOLTAICO SU TUTTI I TETTI, SOLARE TERMICO A TUTTE LE FAMIGLIE…

    1. Scritto da Alberto l.950

      Tranquilli tra poco si risolverà il tutto. Con lo sblocca Italia il nostro Matteo Renzi (detto il magnifico), prevede la costruzione di 9 nuovi inceneritori (pardon “termovalorizzatori”) in 8 regioni.