BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Targhe alterne per 4 giorni a Bergamo, no dall’hinterland: “Scelta non condivisa”

Ecco tutto quello che c'è da sapere sulle limitazioni al traffico che saranno imposte nel centro di Bergamo. Il primo cittadino di Azzano Simona Pergreffi: "Non accoglierò l'invito dell'amministrazione di Gori, inutile fermare le auto e lasciare che più di 100 aerei al giorno passino sopra le nostre teste"

Divide i bergamaschi il provvedimento del Comune di Bergamo che impone la circolazione dei veicoli sul territorio cittadino a targhe alterne per quattro giorni da martedì 29 dicembre a martedì 5 gennaio.

Potranno circolare martedì 29 solo i mezzi con targa dispari, mercoledì 30 solo quelli con targa pari. Il 4 gennaio via libera ai mezzi con targa pari, il giorno dopo strade aperte solo per quelli con targa dispari. Il provvedimento sarà in vigore dalle 7.30 fino alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30.

Circolazione libera, invece, per i possessori di veicoli alimentati a gpl e metano, alle auto ibride e a quelle elettriche. Nessuna misura anche per le persone disabili che esporranno il relativo contrassegno.

C’è chi è d’accordo con la decisione presa dal sindaco Giorgio Gori e dall’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni: il livello di Pm10 nell’aria ha raggiunto livelli preoccupanti e qualcosa andava fatto con urgenza.

Ma c’è anche chi non gradisce affatto il provvedimento e si scaglia contro l’amministrazione cittadina. Come il sindaco di Azzano San Paolo Simona Pergreffi, chiamata in causa in rappresentanza del proprio comune dell’hinterland: “Quello adottato a Bergamo è un provvedimento insensato e inutile – attacca Pergreffi -. Che senso può aver per Azzano imporre la circolazione a targhe alterne, creando disagi ai cittadini che devo andare a lavorare, per poi vedersi volare sopra la testa più di 100 aerei ogni giorno?”.

Simona Pergreffi

“Io, in tutta sincerità, non mi sento di accogliere l’invito dell’amministrazione di Bergamo: ad Azzano non ci sarà nessun provvedimento di questo tipo. Questi blocchi – continua il primo cittadino – servono solo a creare disagi ai cittadini e, al tempo stesso, a far staccare multe. Io non ne voglio proprio sapere”.

Infine, un attacco a Gori e alla sua squadra: “Mi fa sorridere vedere che si chiede la collaborazione dei comuni dell’hinterland quando da circa due anni, guarda caso da quando Massimo Bandera non è più assessore, il tavolo di coordinamento della zona critica (Bergamo e hinterland) non è mai più stato convocato. A Bergamo – spiega ancora Pergreffi – l’amministrazione compie le proprie scelte senza mai confrontarsi con nessuno dell’hinterland, e adesso pretende anche collaborazione. Vogliamo bloccare il traffico? Benissimo, allora blocchiamo anche aerei e autostrade. Solo così che avrebbe un senso questo provvedimento”.

Ancge dal centrosinistra arriva un no: il sindaco di Scanzorosciate, Davide Casati (Pd) dichiara: “La limitazione del traffico estesa all’hinterland oltre alla città ha senso solo se c’è una strategia comune con i Sindaci e la Provincia altrimenti non serve a nulla in quanto ci sarebbero scelte non unanimi dei territori che farebbero perdere di senso ogni buona intenzione. Prima serve un tavolo di confronto. Ecco perché ho detto No alle targhe alterne come in città”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luca68

    Pergreffi chi? Il sindaco di Azzano che un tempo bloccava il traffico nel suo comune? http://comuneazzanosanpaolo.gov.it/installazioni/azzano/allegati/ordinanze/59/Ordinanza%20blocco%20traffico.pdf

  2. Scritto da scapigliato

    Onestamente, provvedimento tardivo, inutile, quasi ridicolo (e lo dico da persona che ama muoversi a piedi). Forse può servire perché fastidioso: ci sbatte in faccia il problema dell’inquinamento come problema che non si può affrontare se IO non cambio stile di vita (io, non altri). La buona politica sa prendere decisioni impopolari. Ce la farà il nostro sindaco so cool? Carattere ne ha, competenza pure. Ma dovrà saltare su due mine: trasporti e commercio (del quale si è tenuto la delega; si vede che ci tiene). Deboli i primi, fin troppo forte il secondo, che nel traffico intenso respira a pieni polmoni.