BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Si schiantò contro il cancello del santuario: non fu colpa di droghe o alcol

Il 21enne di Vailate finì contro la robustissima cancellata del santuario di Caravaggio poco dopo le 2 del mattino quando, a bordo della sua Renault Clio, non si accorse dell'insidiosa curva a 90 gradi presentata dalla strada

Fu un colpo di sonno. Questa la causa dell’incidente stradale che la notte tra il 3 e il 4 dicembre scorsi ha visto protagonista Giuseppe Gallo, 21enne di Vailate che oggi, fortunatamente, sta meglio.

Il giovane finì contro la robustissima cancellata del santuario di Caravaggio poco dopo le 2 del mattino quando, a bordo della sua Renault Clio, non si accorse dell’insidiosa curva a 90 gradi presentata dalla strada. Fu uno schianto violentissimo che costò diverse ferite gravi al 21enne,liberato dalle lamiere dai vigili del fuoco e trasportato d’urgenza al Papa Giovanni XXIII, in condizioni critiche.

Sul posto si occuparono del caso i carabinieri di Caravaggio, che chiesero subito di eseguire gli esami tossicologici per stabilire se Gallo avesse assunto droghe o se fosse stato ubriaco al momento dell’incidente.

A distanza di tre settimane gli esami hanno stabilito che il 21enne di Vailate non era né ubriaco né drogato, ma che la causa dello schianto fu solo ed esclusivamente un colpo di sonno.

Come detto, oggi Giuseppe Gallo sta meglio: è stato sottoposto a due interventi chirurgici andati bene e si sta lentamente riprendendo. Non è in pericolo di vita.