BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il miglior rosé della Lombardia è bergamasco: prodotto dalla cantina Colletto

Il brut rosé Metodo Classico millesimato 2009 della cantina biologica Colletto di Adrara San Martino premiato al Concorso Nazionale dei Vini Rosati d'Italia tra oltre 250 etichette in gara.

Il migliore spumante rosato della Lombardia si produce sui colli bergamaschi di Adrara San Martino ed è firmato dall’azienda agricola biologica Colletto. Il verdetto arriva dalla quarta edizione del Concorso Nazionale dei Vini Rosati d’Italia, la cui premiazione si è svolta lunedì 21 dicembre nella prestigiosa cornice dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma, durante un evento-spettacolo condotto dai giornalisti Fede e Tinto di Decanter (Radio 2) alla presenza dei soci della Fondazione Italiana Sommelier e della stampa di settore.

Nato per iniziativa della Regione Puglia – il territorio più blasonato per produzione di vini rosati d’eccellenza – in collaborazione con Accademia Italiana della Vite e del Vino, Assoenologi nazionale e Unionecamere Puglia, la competizione ha visto confrontarsi oltre 250 etichette rappresentative delle diverse anime rosa dell’enologia italiana. A conquistare la medaglia di bronzo nella categoria “Spumanti rosati Igt e Vsq” è stato lo Spumante di qualità brut rosé Metodo Classico millesimato 2009 della Cantina Colletto, un Pinot nero in purezza affinato 48 mesi sui lieviti che ha fatto breccia tra i nasi e i palati esperti delle commissioni di degustazione grazie a un profilo estremamente elegante. La medaglia conquistata dall’azienda agricola di Adrara San Martino è l’unico riconoscimento ottenuto dall’enologia lombarda durante la degustazione alla cieca (campioni esaminati in forma anonima) che nelle diverse categorie in gara tra vini spumanti, fermi e frizzanti ha portato ad assegnare complessivamente 19 medaglie.

Vino rosè Colletto

Buona la prima – Grandissima è la soddisfazione della cantina biologica Colletto per aver ottenuto un prestigioso riconoscimento nazionale al primo tentativo. Il 2009 infatti è stata la prima vendemmia della cantina, nata l’anno precedente con l’acquisto da parte di Graziana Picchi e del padre Duilio di una casa padronale circondata da dieci ettari di vigneti, uliveti e bosco in uno dei terroir più vocati della Lombardia, nel quale hanno dato vita a un ambizioso progetto di viticoltura e accoglienza turistica all’insegna dell’ecosostenibilità. “Siamo davvero contenti per questo premio che ci permette di far conoscere a livello nazionale un vino su cui puntiamo molto – commentano Graziana e Duilio Picchi – e, allo stesso tempo, ci incoraggia a proseguire con convinzione lungo la strada della massima selezione delle uve in vigna e dell’agricoltura biologica per valorizzare un angolo della Lombardia che non ha nulla da invidiare per qualità e potenzialità ad altre zone più conosciute”.

Il vino premiato – Lo Spumante di qualità brut rosé Metodo Classico millesimato 2009 della Cantina Colletto nasce dalle uve di Pinot nero coltivate su terrazzamenti di vigna esposti a sud a 460 metri di altitudine, su un terreno rosso ricco di ferro, calcare e marne. Affinato 48 mesi sui lieviti, ha un colore rosato con riflessi tendenti alla buccia di cipolla e un perlage fine e persistente. Al naso profumi di frutta rossa e crosta di pane sono impreziositi da sentori speziati di liquirizia e vaniglia, che ritornano in bocca ravvivati da una piacevole freschezza per un sapore elegante e persistente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.