BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

All’asta il padiglione del Brasile, offerto a Bergamo e rifiutato fotogallery

Un'offerta piuttosto allettante, che Palafrizzoni però ha dovuto rifiutare. Il motivo è semplice: le dimensioni dell'installazione.

Più informazioni su

“Volete il padiglione del Brasile?” E’ la domanda posta poco prima della fine di Expo ai rappresentanti di Palafrizzoni in visita all’esposizione universale. Un’offerta piuttosto allettante, a cui Palafrizzoni però ha dovuto rifiutare. Il motivo è semplice: le dimensioni dell’installazione.

Impossibile trovare un luogo a Bergamo che possa ospitare una struttura da 120 metri di lunghezza. Una delle aree ipotizzare è stata il parco della Trucca, ma il padiglione avrebbe coperto una parte verde troppo ampia. Ora la rete calpestabile, tra i padiglioni più fotografati nei sei mesi di Expo, sarà messa in vendita.

Il prezzo non è alla portata di tutti: 500 mila euro, 1,6 milioni per l’intero complesso carioca. “Per la rete si sono fatti avanti collezionisti stranieri ma anche qualche italiano ha fatto capolino – dichiara in una nota stampa Cinzia Ciniltani, amministratore delegato di Expo Invest – mentre la galleria interattiva sarebbe l’ideale per qualche museo di ultima generazione o qualche ente che abbia una storia da raccontare. Nostra speranza è che l’auditorium retrattile da 150 posti a sedere rimanga in Italia, magari presso qualche università o micro teatro. I prodotti di design saranno accessibili a tutti perché verranno messi all’asta a singolo pezzo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    …bè un’area poteva essere tranquillamente il piazzale della Celadina dove c’eran le giostre (e invece ennesimo supermercato) o un’area limitrofa (che tanto verso la fiera nuova è previsto che spariscano le aree verdi…) oppure un’area già libera e di cui non si parla più è quella della ex redonaspa in via leone XIII… tutto demolito è già disponibile, magari l’operatore privato potrebbe essere interessato… oppure sull’ex gasometro… tutte aree di dimensione adeguate.