BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ospedale ecosostenibile: parco, bikesharing e parcheggi per moto e bici fotogallery video

Un Papa Giovanni XXIII più sostenibile con l'inaugurazione del Parco Bonaldi, della stazione di bikesharing e dei parcheggi per moto e bici: servizi che rendono più accessibile e fruibile l'ospedale.

Il parco Bonaldi che abbraccia tutto l’ospedale, una stazione bikesharing BiGi e i nuovi parcheggi per moto e biciclette: il Papa Giovanni XXIII si fa ecosostenibile e inaugura tre nuove realtà “green”.
Il parco, che circonda la struttura dalla torre 1 alla torre 7, conta più di duemila piante di una dozzina di specie diverse, soprattutto autoctone, scelte tra esemplari adulti e virgulti: il pieno sviluppo si vedrà tra qualche anno e garantirà un polmone verde importante, in grande armonia con Città Alta e i colli.
Il progetto, nato nel 2009, e la messa a dimora delle piante sono stati eseguiti dal vivaio Scarpellini di Alzano Lombardo, a cura del Gruppp Bonaldi come dono alla città e all’ospedale per i 50 anni dell’azienda.
“Li abbiamo voluti festeggiare con un gesto di attenzione per la città dove la nostra attività è nata, cresciuta e si è consolidata – ha spiegato Simona Bonaldi, ad dell’omonimo gruppo – Abbiamo voluto contribuire, seppur in piccolissima parte, ad un grandissimo progetto. L’idea del parco ci è piaciuta da subito perché in linea con la nostra attenzione per l’ambiente e per una mobilità sostenibile ed eco-compatibile. Il Parco Bonaldi è la sintesi dei valori che ispirano il nostro modo di fare impresa”.
In prossimità dell’ingresso principale dell’ospedale è stata poi inaugurata la stazione bikesharing BiGi, gestita da Atb, che conta 19 posteggi: vengono così portate a 22 le postazioni complessive in città, per 286 posti e 150 biciclette.
Risponde alle pressanti richieste degli utenti, infine, l’inaugurazione di un nuovo parcheggio gratuito per biciclette e motocicli vicino all’ingresso est: ai 100 posti per le moto nei pressi dell’entrata principale se ne aggiungeranno a giorni altri 100 vicino al multipiano e 30 in piazza OMS. Le rastrelliere per le bici, invece, sono posizionate nel cortile interno sud, sul piazzale OMS nei pressi della torre 5 e all’ingresso nord, vicino alla torre 7.
“Grazie al supporto dell’Azienda Ospedaliera abbiamo completato l’asse del bikesharing dal centro fino all’ospedale – commenta l’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni – Anche la realizzazione del nuovo parcheggio per le moto permette di dare maggior ordine e funzionalità all’area d’accesso dell’ospedale”.
Grande soddisfazione anche per Atb e per il direttore generale dell’ospedale Carlo Nicora che ha commentato: “Inauguriamo servizi che rendono il nostro ospedale più vicino alla città e più accessibile per i visitatori. Con la fermata del treno faremo un ulteriore passo avanti”.

Ospedale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    Rallegriamoci per la “nuova” stazione bike-sharing, dico “nuova” perchè pur essendo la 23esima in realtà viene classificata come la n.1 che era ormai sparita da tempo da piazzale marconi (alla faccia dell’intemodalità e dell’agevolare sistemi di mobilità alternativi…). Se poi vogliamo essere pignoli possiamo anche aggiungere che arriva con più di 3 anni di ritardo dall’inaugurazione dell’ospedale nuovo (14 dicembre 2012…)e che nell’attesa dello stesso TUTTO il consiglio comunale aveva richiesto con URGENZA che si dotasse Largo Barozzi di una stazione Bike Sharing… aspettiamo che finalmente anche quella zona venga dotata “rapidamente”. Se poi ATB o il Comune dicessero come va la APP della Bigi e quanti la utilizzano o l’hanno utilizzata in questi mesi sarebbe interessante e cosa gradita! In ogni caso W la Bigi.