BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capodanno in piazza a Bergamo: alla console l’ex batterista degli Smiths

Per salutare il vecchio anno il Comune di Bergamo organizza CAPODANNO 2015 IN PIAZZA, un evento musicale con ospiti d’eccezione per animare il centro città e dare il benvenuto al 2016.

Per salutare il vecchio anno il Comune di Bergamo organizza CAPODANNO 2015 IN PIAZZA, un evento musicale con ospiti d’eccezione per animare il centro città e dare il benvenuto al 2016. L’evento vuole offrire ai bergamaschi e ai turisti uno spettacolo musicale di qualità con ospiti conosciuti sulla scena nazionale e internazionale.

“Quest’anno – dichiara l’Assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti – l’amministrazione si è impegnata per offrire una proposta articolata: personalità musicali di un certo rilievo accompagneranno, dalle 22 fino alle 2 di notte, la serata più lunga dell’anno con dj set e animazione. Molti cittadini amano ritrovarsi insieme in piazza per iniziare il nuovo anno con lo spirito giusto, ascoltando buona musica e nel segno del divertimento”.

La serata prende il via sul palco di Piazza Matteotti alle ore 22 con un dj set di Giulia Salvi from Virgin Radio. Modenese, un passato da modella e un presente sulle frequenze di Virgin Radio e alla consolle nei migliori club d’Italia come dj e vj, Giulia Salvi non nasconde uno spirito rock che la porta a voler percorrere in lungo e in largo l’Italia per far ballare il pubblico dei migliori rock club d’Italia!

Dalle 23.30 alle 00.30 in scena i Bond Street, tre dj protagonisti della scena alternativa bergamasca. Resident di Borderline al Daho Club e all’Upset Club, si sono esibiti nei locali alternativi più noti del Nord Italia, dal Rocket di Milano al Covo di Bologna, oltre ad avere aperto concerti di artisti del calibro di Kaiser Chiefs, Paul Weller, Cribs, Peter Hook, e ad aver condiviso la consolle con Carl Barat, Mike Joyce, Terry Hall, Elijah Wood, Dave Rowntree e molti altri. Allo scoccare della mezzanotte il nuovo anno sarà salutato con l’esplosione di colori “L’arte e la magia del fuoco”, uno spettacolo pirotecnico che accompagnerà il passaggio al nuovo anno.

A chiudere la serata, dalle 00.30 alle 2.00, alla consolle quello che si dice una pietra miliare della scena musicale: Mike Joyce. Ex batterista degli Smiths, storica band inglese che ha lasciato un segno indelebile nella storia musicale internazionale, torna in Italia in veste di dj, per proporre un unico e straordinario dj set.

Un viaggio sonoro condotto abilmente da Mike Joyce in persona, che spazierà dalla musica protagonista degli indimenticabili anni ’80 inglesi, di cui lui stesso è stato tra i principali attori calcando i più importanti palchi al mondo con gli Smiths, fino alle ultime produzioni della musica indipendente britannica, dal punk alla new wave fino all’electro. Forte della sua esperienza in radio (East Village Radio di New York, East Village Radio di Manchester, BBC 6 Music), oltre che nei più importanti club al mondo, proporrà un dj set d’autore.

Biografia Mike Joyce

La prima band di Mike Joyce è stata il gruppo punk The Hoax, con cui ha suonato tra il 1979 e il 1989. Tra l’80 e l’81 Mike ha suonato con il gruppo punk irlandese Victim.

Il 1982 è l’anno che segna l’ingresso di Joyce negli The Smiths, fino allo scioglimento avvenuto nel 1987.

Le collaborazioni con i membri dei The Smiths non si sono completamente interrotte: ha preso parte alla tournee di Sinead O’Connor insieme a Andy Rourke nel 1988/1989 ha collaborato con Morrisey nei brani “The Last of the Famous International Playboys” e “Interesting Drug”.

Nel 1990-1991 Mike ha partecipato ad un tour mondiale con i suoi eroi del punk di sempre: i Buzzcocks e ha coronato il sogno di suonare con un altro suo mito: il grande Julian Cope. Nel 1993 ha preso parte al tour britannico e americano dei Public Image Limited, esperienza che ha permesso a Mike di conoscere e suonare con John Lydon e collaborare con il chitarrista di Siouxie And The Banshees, John McGeoch. Nel 1995 ha collaborato con la diva del soul P.P. Arnold.

Dal 1996 fino al 1998 Mike ha suonato e registrato con Pete Wylie di Liverpool, dei The Mighty Wah!, noti anche come Wah! Heat. Nel 1998 è stato invitato da Aziz a suonare nel suo nuovo album con Andy Rourke. Il 2001 ha visto Mike e Andy collaborare con Paul “Bonhead” Arthurs degli Oasis nella sua band chiamata Moondog One.

Nel Luglio del 2007, Mike e il suo ex compagno di band Andy Rourke hanno pubblicato “Inside The Smiths”, un DVD che racconta la loro esperienza all’interno della band. Entrambi parlano molto bene sia di Morrisey che di Marr e nel film raccontano di quanto sentissero e tuttora sentano The Smiths come qualcosa di speciale.

Da allora Mike ha intrapreso la carriera di dj a livello mondiale, trasmettendo musica sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti ed esibendosi in tutto il mondo.

Biografia Giulia Salvi

Modenese, un passato da modella e un presente sulle frequenze di Virgin Radio e alla consolle nei migliori club d’Italia. Nel 2006 sembra che le si aprano le porte del cinema, ottenendo la parte di Elodie nel film “A casa nostra” di Francesca Comencini. La parte viene affidata però ad un’altra attrice ben più nota.

Giulia quindi continua a lavorare alla sua carriera di modella, e a coltivare il suo amore per la musica. Un amore vero e proprio quello di Giulia per la musica indie-rock. Va ai concerti, intervista le band – dai 30 Seconds To Mars agli Skunk Anansie, dagli Stereophonics a Ben Harper, dai Green Day ai Babyshambles – e ha un sogno nel cassetto: un giorno, in futuro, diventare talent scout di giovani band. Oggi è on air insieme ad Andrea Rock in Virgin Radio Generation (dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 20.00) e da sola conduce Rock in Translation, una tela di parole e musica colorata dalla voce di Giulia e accompagnata dalle più belle canzoni rock di sempre.

Biografia Bond Street

Dj dal 2008, esperti selezionatori dei generi britpop, indie-rock, madchester, new wave.

Protagonisti nella sfera alternativa bergamasca, hanno suonato nei locali alternativi più importanti del nord Italia: Resident di Borderline al Daho Club e Upset Club, al Rocket (Mi) e al Covo (Bo) oltre a partecipare a diversi eventi legati alla cultura inglese e musicale in generale.

I tre dj hanno aperto anche concerti di Kaiser Chiefs, Paul Weller, Cribs, Peter Hook e ad aver condiviso la consolle con Carl Barat, Mike Joyce, Terry Hall, Elijah Wood, Dave Rowntree e molti altri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.