BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sequestrate trappole a scatto e reti metalliche: oggetti di morte per gli animali

Azione di prevenzione e controllo del territorio del Nucleo ittico venatorio del Corpo di polizia provinciale: sequestrati oggetti pericolosi per la salute della fauna selvatica, liberati animali protetti detenuti illegalmente.

Trappole metalliche a scatto, 60 metri di reti da uccellagione a tramaglio, una gabbia-trappola per ungulati, panie per la cattura degli uccelli e esemplari di avifauna protetta illecitamente detenuti: è questo il bottino delle ultime azioni di prevenzione e controllo del territorio eseguite, anche grazie alle segnalazioni dei cittadini, dal Nucleo ittico venatorio del Corpo di polizia provinciale a tutela della fauna selvatica

A Oltre il Colle, in un bosco in località Zorzone, gli agenti del Nucleo ittico venatorio hanno rinvenuto e sequestrato una rete per uccellagione di dieci metri per due, installata per la cattura di avifauna; intrappolati nella maglia della rete sono stati trovati 2 esemplari di pettirosso.

Anche ad Adrara San Martino, in località Collepiano, gli agenti hanno rinvenuto un impianto di cattura a fine di uccellagione, costituito da una rete del tipo a tramaglio di 10 metri per 1,80 di altezza. All’interno della rete erano presenti 1 pettirosso e 1 capinera, ambedue esemplari di avifauna protetta. L’autore del reato è stato identificato e gli agenti hanno provveduto al sequestro di 1 rete da uccellagione e dell’avifauna protetta.

Analogamente in Gaverina Terme, località Faisecc, gli agenti hanno sequestrato 1 rete verticale del tipo a “tramaglio” di 10 x 1,80 metri di altezza con maglia di 20 x 20 millimetri, ubicata all’interno del bosco al cui interno non vi era presenza di avifauna catturata.

In comune di Gandosso, località cimitero, gli agenti del Nucleo hanno invece rinvenuto 1 impianto di cattura di avifauna selvatica, costituito da trappole metalliche a scatto denominate “sep”. L’autore è stato identificato mentre ricaricava le trappole e le riposizionava, dopo aver estratto volatili ormai morti. Gli agenti hanno sequestrato 8 trappole metalliche a scatto e 2 esemplari di pettirosso e liberato delle esche vive. Contestualmente gli agenti sul posto hanno rinvenuto in una voliera 3 fringuelli che, al controllo, sono risultati detenuti illegalmente e 1 rete da uccellagione del tipo a tramaglio di 30 x 1,80 metri di altezza, oggetto di cui è vietata la detenzione. Si è proceduto pertanto al sequestro della rete da uccellagione e alla liberazione dei fringuelli.

A Gandosso, località Prato negro, in un sentiero del bosco, gli agenti del Nucleo ittico venatorio hanno rinvenuto e sequestrato 1 gabbia-trappola di ferro per la cattura di fauna selvatica.

Sempre a Gandosso, in località Pitone, gli agenti del Nucleo, a seguito di segnalazione, hanno trovato un impianto di cattura ai fini di uccellagione costituito da 2 panie invischiate e gabbie contenenti 4 lucherini, esemplari di avifauna protetta, utilizzati ai fini di richiamo. Nel corso del controllo sono state rinvenute anche 4 passere scopaiole e 1 rete da uccellagione di tipo a tramaglio per la cattura di volatili. Gli agenti, identificato l’autore dei reati, hanno proceduto al sequestro delle panie, della rete e dell’avifauna per un totale di 8 esemplari. Quest’ultimi sono stati consegnati al Centro recupero animali selvatici WWF di Valpredina in Cenate Sopra per le operazioni di recupero alla vita selvatica al fine della successiva liberazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.