BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mercatini, Donizetti, Giubileo, peperoncino, canapa: il weekend in città

È ricco di iniziative a tema natalizio il fine-settimana a Bergamo. In programma ci sono tante proposte pensate per ogni fascia d’età. Ecco la panoramica degli appuntamenti organizzati in città sabato 19 e domenica 20 dicembre.

È ricco di iniziative a tema natalizio il fine-settimana a Bergamo. In programma ci sono tante proposte pensate per ogni fascia d’età e volte a soddisfare ogni preferenza.

In piazzale degli Alpini e in piazza Dante prosegue l’allestimento del villaggio di Natale e dei mercatini con prodotti tipici e artigianali, in cui è possibile trovare molte idee regalo in vista delle imminenti festività. In piazza della Libertà, invece, continua l’apertura della pista di pattinaggio, altro classico invernale cittadino.

Proseguendo il viaggio tra gli eventi del week-end in città, ci sono le proposte teatrali. In cartellone spiccano “La verità” di Daniele Finzi Pasca per la stagione di prosa del teatro Donizetti, mentre al teatro Creberg Federico Buffa porta in scena “Le Olimpiadi del 1936”.

Tra gli eventi, poi, è da annotare che sabato 19 e domenica 20 dicembre al Maite di Città Alta si tiene “Picca festival”, sagra del peperoncino e della canapa, due giorni alla scoperta delle proprietà benefiche di questi due prodotti della terra.
Non mancano anche proposte dedicate all’arte, come “Il Sarto”, esposizione dedicata a Giovan Battista Moroni all’accademia Carrara.

Infine, da evidenziare che in occasione del giubileo della misericordia, sabato 19 dicembre si tiene la “Notte sacra”: 11 delle 35 chiese giubilari di Bergamo e provincia apriranno le loro porte e ospiteranno concerti ed elevazioni musicali a cura degli allievi del Conservatorio “Donizetti” di Bergamo e di altre realtà musicali bergamasche.

Per quanto riguarda la solidarietà, per concludere, sabato 19 e domenica 20 dicembre in città e provincia verranno organizzati gazebo e iniziative con i volontari di Telethon, per sostenere la ricerca contro le malattie rare.
Ecco la panoramica degli appuntamenti organizzati in città sabato 19 e domenica 20 dicembre.

BERGAMO

SABATO 19 DICEMBRE

– Sino a venerdì 22 gennaio, tutti i giorni, festività incluse, in piazza della Libertà è allestita la pista di pattinaggio sul ghiaccio. Gli orari di apertura sono: dalle 8.30 alle 12.30, dalle 14.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 24. Durante il periodo di apertura si terranno diversi eventi, per grandi e bambini: musica, giochi di luce, Gran Galà di Natale ed esibizioni di alcuni tra i migliori atleti della nazionale italiana di pattinaggio su ghiaccio. Verranno inoltre proposte iniziative di beneficenza (con gli Amici della Pediatria e il Cesvi) e di volontariato (associazione sportiva dilettantistica Disabili Visivi Omero), esibizioni di altri sport sul ghiaccio come l’Hockey, lo short track e il broomball. Ecco il piano tariffario per il noleggio delle attrezzature: 5 euro intero; 4 euro ridotto (sotto i 12 e sopra i 59 anni); 3 euro con pattini propri; 4 euro per gruppi maggiori di 10 persone; 4 euro per i militari. È possibile usufruire di tessera abbonamento per 10 ingressi + 2 omaggio; gratuito per disabili.

– Sino a domenica 27 dicembre al piazzale degli Alpini c’è il “Villaggio di Natale”. L’orario di apertura è dalle 9 alle 19.30.

Sino al 6 gennaio in piazza Dante sono allestiti i mercatini di Natale. Mentre in piazzale degli Alpini c’è il villaggio di Natale, qui si possono trovare bancarelle dedicate a cibo e artigianato. I mercatini di Natale regalano un’atmosfera natalizia all’insegna della magia e del buon gusto. Tante caratteristiche casette di legno dove poter ammirare prodotti artigianali ed eccellenze enogastronomiche: una vera occasione per lo shopping più atteso dell’anno. Nel mercatino si potrà, infatti, trovare l’atmosfera giusta per i tuoi regali dal dolce al salato, dagli addobbi natalizi all’artigianato e il tutto nel cuore di Bergamo bassa nella suggestiva Piazza Dante.

– Nell’arco della giornata, in via Angelo Mai, si rinnova l’appuntamento con il “Mercatino di via Angelo Mai”.

– Sino a domenica 20 dicembre ad Astino è possibile visitare la mostra fotografica di Pepi Merisio, “Custodire la presenza”, curata da Corrado Benigni. L’esposizione ripropone le immagini del fotografo bergamasco che, a partire dagli anni cinquanta, ha immortalato il cambiamento dalla società agricola a quella urbanizzata, segnato dal passaggio dalle tradizioni rurali al boom edilizio e all’industrializzazione. Sino alla fine di gennaio 2016, il complesso monumentale di Astino è aperto al pubblico sabato e domenica, con i seguenti orari: al mattino dalle 9 alle 12 e al pomeriggio dalle 14 alle 17.

– Sino a domenica 17 gennaio alla Gamec, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo è possibile visitare la mostra “Malevic”.L’esposizione è aperta da martedì a domenica dalle 9 alle 19; giovedì dalle 9 alle 22; lunedì chiuso.

– Sino al 9 gennaio, all’ex Convento di San Francesco, in piazza del Mercato del Fieno 6/a (chiostro grande) è possibile visitare la mostra“Progetto Montelungo”, concorso internazionale di progettazione per il recupero e la valorizzazione delle ex caserme Montelungo-Colleoni, esposizione dei cinque progetti finalisti. L’esposizione è aperta da martedì a venerdì dalle 9,30 alle 13; sabato e domenica dalle 9,30 alle 13 e dalle 14,30 alle 18. Per ulteriori informazioni consultare il sito internet progettomontelungo.it.

– Sino al 28 febbraio 2016 all’accademia Carrara, al Museo Bernareggi e al Palazzo Moroni è possibile effettuare un percorso espositivo dedicato a Giovan Battista Moroni. All’interno delle tre prestigiose sedi museali cittadine, viene proposto un viaggio per riscoprire le opere più note, i dipinti sacri recentemente restaurati dalla Fondazione Credito Bergamasco e i ritratti più celebri del pittore orobico. Precisamente, all’Accademia Carrara è esposto “Il sarto” all’interno della sala dedicata a Moroni; al museo Bernareggi, una selezione di opere di Moroni e soprattutto Albani; e al Palazzo Moroni, edificio nobiliare che apre appositamente le sue porte al pubblico, un’altra selezione di opere tra cui “Il Cavaliere rosa”. Gli orari di apertura sono: dalle 10 alle 19 con chiusura il lunedì. È previsto un unico biglietto di ingresso di 12 euro (intero), di 10 euro (ridotto) e gratis per gli under 18, che consentirà di accedere a tutti e tre gli spazi espositivi.

– Sino a mercoledì 23 dicembre alla galleria “Quarenghicinquanta” di Bergamo, in via Quarenghi, 50, è possibile visitare la mostra fotografica“Taken out (racconti brevi)”. L’esposizione raccoglie 28 opere di 7 fotografi strettamente legati allo spazio “Quarenghicinquanta”. A esporre sono Mario Cresci, Virgilio Fidanza, Dario Guerini, Vincenzo Magni, Francesco Pedrini, Claudia Pippo e Gigi Vegini. Ogni autore ha scelto quattro opere, estratte da progetti più ampi che ben caratterizzano il loro campo di ricerca e il loro tratto artistico. La mostra proseguirà, con opere a prezzo pieno, sino al 23 dicembre con i seguenti orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19; sabato e domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19. Per avere ulteriori informazioni consultare il sito internet dello spazio fotografia “Quarenghicinquanta”, quarenghicinquanta.org.

– Sino al 7 febbraio 2016 al Palazzo della Ragione, in piazza Vecchia, è possibile visitare la mostra “Bergamo durante e dopo la Prima guerra mondiale”. L’esposizione è aperta dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18; chiuso il martedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio. L’ingresso è libero. È possibile effettuare prenotazioni per gruppi e scuole telefonando al numero 035.247116.

Dal 19 dicembre alle 11 al 20 dicembre alle 21 al Maite si tiene “PicCa Festival”, festa e mostra-mercato del peperoncino e della canapa. Sabato 19 dicembre il programma prevede: alle 11 apertura della mostra mercato PicCa Festival 2015; alle 13 PicCa pranzo; alle 15.30 stage di saltarello con Federico Cippitelli e Matteo Gianfelici (su iscrizione); alle 17.30 Piccante Piacere: storia, proprietà e usi del peperoncino – work-shop a cura dell’agronomo Leonardo Brunzini; a seguire il mangiafuoco gara di mangiatori di peperoncino estremamente piccante con premiazione finale; alle 19 PicCa/aperitivo e PicCa/cena; alle 21.30 concerto folk di saltarello e stornelli marchigiani con Grazie e Grazià. Domenica 20 dicembre, invece: alle 11 ri-apertura della mostra mercato PicCa Festival 2015; alle13 PicCa pranzo; alle 15.30 utilizzo ecobiologico della canapa in campo alimentare, storia e tradizione italiana – work-shop con Leonardo Brunzini; alle 17.30 degustazione di birre artigianali alla canapa; alle 19 PicCa/aperitivo e PicCa/cena; alle 19.30 Shanty Sound dj-set e Festa chiusura evento con Bergamo-Rula.

Sabato 19 e domenica 20 dicembre alla sala scuderie, a Bergamo in via Borgo Palazzo 16, è possibile visitare la “Mostra degli origami… aspettando il Natale. Di tutto e di più sul tema del Natale”, a cura dell’associazione Centro Diffusione Origami. L’inaugurazione con aperitivo si tiene sabato 19 dicembre alle 11. L’esposizione è aperta sabato 19 e domenica 20 dicembre dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 19, con ingresso libero. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 035-236341 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica cscpignolo@libero.it.

– Sino al 20 dicembre alla galleria d’arte Bergamo, Contrada Tre Passi 1/e, è possibile visitare la mostra personale di Gèrard Schneider. L’esposizione è aperta da martedì a sabato dalle 15 alle 19,30; lunedì e festivi chiuso (mattino su appuntamento).

– Sino al 2 gennaio all’Ars “Arte più libri”, in via Pignolo, è possibile visitare la mostra “Madrigali”, di Cinzia Benigni. L’esposizione è aperta lunedì, martedì, mercoledì e giovedì dalle 13 alle 18; venerdì e sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; martedì 8, domenica 13 e 20 dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

– Sino al 10 gennaio alla sala Viscontea dell’orto botanico “Lorenzo Rota” è possibile visitare la mostra itinerante “Seduzione repulsione. Quello che le piante non dicono”. L’esposizione è aperta nelle giornate di sabato, dalle 15 alle 18, e domenica, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

– Alle 15 alla galleria d’Arte Moderna e Contemporanea – Gamec è possibile partecipare al laboratorio “Alberti diritti!”, una piccola storia di arte e diritti dell’infanzia. Un laboratorio divertente, rivolto ai bambini dai 5 ai 10 anni, per comprendere i diritti dei più piccoli e imparare quanto sia importante difenderli. A cura di Cesvi. Iniziativa gratuita, con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti inviando un’email all’indirizzo di posta elettronica servizieducativi@gamec.it.

– Dalle 15 alle 17 al museo di Scienze Naturali “Caffi” è possibile partecipare al laboratorio “Il viaggio del geologo … su e giù per l’Italia”, per bambino dai 7 anni in su. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Associazione Didattica Naturalistica del Museo di Scienze Naturali. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti inviando un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica adn@museoscienzebergamo.it .

– Sino al 20 dicembre allo spazio espositivo dell’ex oratorio di San Lupo a Bergamo è possibile visitare la mostra “Lo Specchio Attraversato”, collettiva con Giovanni De Lazzari, Oscar Giaconia, Francesco Pedrini, a cura di Claudia Santeroni. L’esposizione è aperta da martedì a venerdì dalle 15 alle 18; sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18.

– Sino al 30 gennaio la Galleria Marelia – Arte moderna e contemporanea, a Bergamo in via Torretta, 4 è possibile visitare la mostra “Spime”, di Ludovica Belotti, Claudia Campus, Martina Dierico, Lorenzo Lunghi, La-Mb (Linda Alborghetti & Marco Bellini), a cura di Stefania Carissimi. L’esposizione è aperta da lunedì a sabato dalle 15 alle 19.30. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 3478206829.

– Sino al 20 dicembre alla sala espositiva “Claudio Stefanoni” del Mutuo Soccorso di Bergamo, in via Zambonate, 33, è possibile visitare la mostra “Opere di Fabrizio Agustoni”. L’esposizione è aperta venerdì e sabato dalle 16 alle 19; i giorni festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19; su appuntamento telefonando al numero 348.0364120.

– Dalle 16 alle 17.30 in Bergamo Alta si tiene “Di torre in torre: Volver”, spettacolo itinerante promosso dalla Fondazione Bergamo nella Storia Onlus, a cura di Ensemble Lodi con canti, musiche popolari, trampoli, costumi e maschere. La partenza è alle 16 dagli spalti della Rocca di Bergamo con breve visita guidata introduttiva a cura di Lia Corna, passaggio alla Torre del Gombito e conclusione in Piazza Vecchia. Per l’occasione il Campanone resterà aperto fino alle 20. La partecipazione è gratuita. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 035.247116 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica info@bergamoestoria.it.

– Sino al 9 gennaio allo Spazio arte Viamoronisedici è possibile visitare la mostra di Calisto Gritti “Opere recenti”. La galleria è aperta da martedì a sabato dalle 16 alle 19.30; domenica e lunedì su appuntamento. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 347.2415297.

– Alle 16.30 alla biblioteca “Tiraboschi” si tiene “A scuola di Babbo Natale”, racconto teatralizzato liberamente tratto da “La scuola dei Babbi Natale” per bambini dai 3 agli 8 anni, con Fabrizio De Palma. Una storia fantastica, semplice e allegra, sostenuta da una punta di tenerezza che ci ricorda che uno degli effetti dello spirito del Natale è far tornare tutti bambini.
Iniziativa gratuita. La prenotazione è obbligatoria fino a esaurimento posti, telefonando al numero 035.399161.

– Sino al 16 gennaio allo studio Vanna Casati, a Bergamo in via Borgo Palazzo, 42, è possibile visitare la mostra “La vita dei dettagli”, con opere di Margherita Leoni, che scandaglia il brulicante mondo della natura nel suo manifestarsi nella forma più intima, meno appariscente che spesso non cattura lo sguardo. L’esposizione è aperta da lunedì a sabato dalle 16,30 alle 18,30 martedì chiuso. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 035.222333.

– Alle 18 al circolo artistico bergamasco, a Bergamo in via Mali Tabajani 4, si tiene l’inaugurazione dell’esposizione collettiva di Natale.

– Alle 19 in via Carnovali, 93, si tiene l’inaugurazione di Bonsai Sushi Restaurant. Il programma prevede: alle 19 aperitivo; alle 21 live concert di Simone Salvi Swinging’ Trio. Sono previste: formula a buffet a partire da 10 euro con cucina giapponese, italiane e cinese; e formula ristorante sushi con servizio a tavola a partire da 11,90 euro.

Sino al 20 dicembre al teatro Donizetti va in scena “La verità”, un pezzo d’arte di Salvador Dalì divenuta spettacolo con la guida del regista Daniele Finzi Pasca.
“La Verità è tutto ciò che abbiamo sognato, ciò che abbiamo vissuto, ciò che abbiamo inventato, tutto quello che fa parte della nostra memoria”. È a partire da questo pensiero della moglie del regista che si snoda tutto l’intreccio dello spettacolo, nel quale si relazionano diverse discipline come l’acrobazia, il teatro, la danza e la musica.
Un poema acrobatico e surrealistico composto da un gruppo di creatori di forme artistiche e di scenari straordinari. Sabato lo spettacolo va in scena alle 20.30 e domenica alle 15.30.

– Alle 21 al Creberg Teatro Bergamo Federico Buffa si esibisce nello spettacolo “Le Olimpiadi del 1936”. In scena oltre Federico Buffa, che interpreta la parte di Wolgang Fürstner, comandante del villaggio olimpico, i musicisti Alessandro Nidi, Nadio Marenco e la giovane cantante Cecilia Gragnani, personaggi evocati dal protagonista nel desiderio di poter rivivere quei giorni e quei luoghi della lontana estate del 1936, I giorni delle Olimpiadi di Berlino.
Lo spettacolo, partendo dalla narrazione di una delle edizioni più controverse dei Giochi Olimpici, quella del 1936, racconta una storia di sport e di guerra. Le storie dello sport, sono storie di uomini. Sono storie che scorrono assieme al Tempo dell’umanità, seguono i cambiamenti e i passaggi delle epoche, a volte li superano. È capitato a Berlino nel ‘36 quando Hitler e Goebbels volevano trasformare le loro Olimpiadi, o quello che credevano che fossero le “loro” Olimpiadi, nell’apoteosi della razza ariana e del “nuovo corso”. E invece quelle Olimpiadi costruirono i simboli più luminosi dell’uguaglianza.

– Sabato 19 dicembre alle 21 si terrà la “Notte sacra”, un evento corale, per anticipare l’apertura delle Chiese Giubilari della Diocesi. Undici delle 35 chiese giubilari di Bergamo e provincia apriranno le loro porte e ospiteranno concerti ed elevazioni musicali a cura degli allievi del Conservatorio “Donizetti” di Bergamo e di altre importanti realtà musicali bergamasche.
Una scelta, l’arte musicale, guidata dalla volontà di accompagnare e guidare i fedeli in un percorso di riflessione e di raccoglimento. Le chiese giubilari, scrigni d’opere d’arte e d’architettura, divengono teatro di preziose performance, invitando la comunità ad abbracciare e a far proprio il messaggio di Misericordia, tema dell’anno giubilare.
Le chiese giubilari avranno come tratto distintivo e accumunante una luce blu che illuminerà il portale di ingresso, richiamando così i fedeli ad assistere all’evento.
Aderiscono all’iniziativa due chiese di Bergamo, la cattedrale di Sant’Alessandro e la chiesa di Santa Maria Immacolata delle Grazie, a cui si aggiungono in provincia la basilica di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista di Clusone, il santuario Beata Vergine Del Miracolo – Madonna Della Gamba di Desenzano di Albino, la basilica di Santa Maria Assunta di Gandino, la basilica Minore di San Giacomo di Pontida, la chiesa parrocchiale di San Martino vescovo di Sarnico, la chiesa parrocchiale – santuario San Giovanni XXIII di Sotto il Monte Giovanni XXIII, la chiesa parrocchiale di San Pietro di Trescore, la basilica di Santa Maria Assunta e San Pietro di Vilminore di Scalve e la chiesa parrocchiale di San Lorenzo martire di Zogno.
Si esibiranno, oltre agli allievi del Conservatorio, l’associazione musicale Estudiantina Ensemble di Bergamo, l’Accademia corale di Baccanello, la Corale polifonica Petri Apostoli Cantores di Trescore e le corali Laudate Dominum di Poscante e Rigosa, Sant’Andrea Apostolo di Bracca, Dell’Amicizia di Costa Serina e Santa Maria del Bosco di Somendenna.
L’atto simbolico di inizio di ogni Anno del Giubileo è l’apertura della Porta Santa. Papa Francesco inverte la rotta: non si è chiamati a passare dalla Porta Santa per entrare in chiesa, ma per uscire dalla chiesa. “La Chiesa in uscita” è uno dei suoi slogan preferiti. Rendere straordinario l’ordinario. È la scommessa di dare colore al grigiume delle nostre giornate, di dare luce all’opacità del nostro modo di vedere le cose, di dare sapore al nostro essere insipidi nei rapporti con gli altri.
Per la prima volta il Papa ha chiesto che la Porta Santa non sia solo a Roma nella quattro Basiliche Patriarcali (San Pietro in Vaticano, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le mura, Santa Maria maggiore), ma che in ogni cattedrale, in ogni diocesi del mondo si apra una porta santa.
La diocesi di Bergamo ha quindi una Porta Santa per i fedeli, nella Cattedrale di Sant’Alessandro, che il vescovo, monsignor Francesco Beschi, ha aperto domenica 13 dicembre durante la celebrazione eucaristica. Non solo: durante la celebrazione, il vescovo ha affidato ai parroci di 35 Chiese della diocesi il decreto vescovile che istituisce le chiese giubilari di Bergamo. Domenica 20 dicembre il Giubileo si aprirà quindi ufficialmente anche nelle chiese giubilari.

– Alle 21 alla cattedrale di Bergamo Sant’Alessandro si tiene un concerto del duo di sassofoni a cura del Conservatorio Donizetti di Bergamo. L’iniziativa rientra tra le proposte della “Notte sacra”, promossa in occasione dell’apertura del giubileo della misericordia nelle chiese giubilari della diocesi.

– Alle 21 alla chiesa di Santa Maria Immacolata delle Grazie si tiene un concerto del quartetto di clarinetti a cura del Conservatorio Donizetti di Bergamo. L’iniziativa rientra tra le proposte della “Notte sacra”, promossa in occasione dell’apertura del giubileo della misericordia nelle chiese giubilari della diocesi.

– Alle 21 all’auditorium centro sociale di Loreto a Bergamo va in scena “Racconto di Natale – Da Charles Dickens una storia che ancora commuove”. Si tratta dell’ultimo appuntamento dell’anno per “Posto unico”, la nuova rassegna serale di Pandemonium Teatro dedicata a giovani e adulti, che porta sul palcoscenico uno spettacolo in linea con l’atmosfera natalizia che si respira già da un po’….ma non solo. “Racconto di Natale”, di e con Tiziano Manzini, è uno spettacolo storico per la compagnia: si tratta del più antico lavoro appartenente al repertorio di Pandemonium Teatro, le cui repliche, negli anni, sono state numerosissime e apprezzate dal pubblico di tutte le età. La rappresentazione è adatta sia a spettatori adulti, sia ai bambini dai 10 anni in su e si propone come un’occasione per festeggiare insieme l’imminente arrivo delle feste, coinvolgendo tutto il pubblico in un brindisi condiviso che avrà luogo al termine della serata. In scena, Tiziano Manzini racconterà la storia del vecchio avaro Scrooge che la sera della Vigilia, sollecitato a dare un’offerta per il Natale, ribatte che già contribuisce a mantenere in funzione le prigioni e che l’eventuale morte di fannulloni o miserabili sarebbe un beneficio che ridurrebbe l’eccesso di popolazione. Ma nella notte succede qualcosa. Scrooge si sveglia. Forse è stato solo un sogno, ma… Dal romanzo di Charles Dickens, ecco la storia di un personaggio che continua a riaffiorare periodicamente nella memoria collettiva, forse grazie anche al suo essere un potente simbolo dell’ambivalenza di questa società: da una parte il singolo individuo, che nel nome del proprio egoismo è disposto a calpestare o ignorare gli altri, dall’altra l’essere umano che a tratti si accorge di ciò che realmente lo rende felice. Il biglietto di ingresso è di 6 euro. Per avere ulteriori informazioni e per effettuare prenotazioni telefonare al numero 035.235039.

– Alle 21.30 al ristorante culturale “In dispArte”, a Bergamo in via Madonna della neve 3, si tiene il concerto gospel dei Neranima Project.
Il gruppo Neranima Project nasce nell’ottobre 2010 da un’idea di Maria Laura Talarico, direttrice artistica e cantante del gruppo. È formato da quattro voci soliste, accompagnate dal solo pianoforte o da una band a richiesta – tutte persone che sono accomunate da un’unica grande passione, quella per la musica nera, gospel nello specifico, che affonda le sue radici nella musica afroamericana emersa nei primi anni del ‘900. Il gospel è un genere musicale di carattere religioso, politico, sociale, che deriva dallo spiritual, dai blues e dai canti afroamericani.
“Neranima project” è un progetto costruito attorno a cantanti e musicisti che trovano nel gospel, e più in generale nella musica afroamericana sia del passato sia contemporanea, gioia, potenza, preghiera, profondità e un ritmo assolutamente contagioso, con il quale non ci si può che muovere, battere le mani, cantare. Il repertorio del gruppo è composto da canti della tradizione gospel e spiritual presentati con arrangiamenti tradizionali e rivisitazione moderne, anche con arrangiamenti originali della band.
Tra i brani presenti: classici spiritual della tradizione nera e brani gospel come “Oh happy day”, “When the saints (go marching in)”, “Amazing grace”, “Amen”, “Wade in the water”, “Glory glory halleluja” e new gospel e soul come “Total praise” e “Awesome God”. Il gruppo si esibisce con divisa personale, offrendo uno spettacolo coreografico e coinvolgente, per tutte le età.
Il biglietto di ingresso al concerto è di 10 euro. Per prenotarsi inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica info@indisparte.com.

– Alle 22 all’Edoné si tiene “Olè c’è il vin brulè”, con concerto del Gruppo Nove.

– Alle 22 al centro sociale autogestito Paci Paciana di Bergamo, in via Grumello 61, si tiene un concerto degli “Attribution”, band nata nel 2009 come trio essenziale da un’idea del chitarrista Marco Pasinetti, accompagnato al basso da Sebastiano Pezzoli ed alla batteria da Stefano Guidi. Nel corso della serata saliranno sul palco anche gli “Snu14”, all’insegna dello space rock ad alta tensione, per un power trio fuori dagli schemi. Completa la maratona musicale la musica di Winstan djset.
Il biglietto di ingresso è di 4 euro.

– Dalle 23.30 al Clash Club torna il party Erasmus di Bergamo. A scaldare la serata sarà il trio Stefan Pog & Epo The Thaker, mentre nella special up room sarà la volta di “90 gradi – Your Favourite Teenage Hits From The 90’S”. Il biglietto di ingresso è di 10 euro con tessera universitaria, drink incluso, entro le 00:15; di 12 euro, ridotto (entro le 00.15), drink incluso; e di 15 euro (intero), drink incluso.
Per avere ulteriori informazioni e per prenotarsi telefonare al numero 334.9987933. È necessario portare un documento di riconoscimento.

DOMENICA 20 DICEMBRE

– Dalle 9 alle 17 circa in piazza Angelini in Città Alta si rinnova il mensile appuntamento con “Mercantico”. È possibile trovare oggetti da collezione, libri e stampe. Per avere ulteriori informazioni è possibile telefonare a Ettore Maffi al numero 035.216374.

– Alle 16 alla biblioteca Caversazzi si tiene “Canto di Natale” lettura animata e teatro d’ombre per bambini dai 5 ai 10 anni, dal libro omonimo di Charles Dickens. A cura di Zeroventi cooperativa sociale onlus di Brescia. Per la rassegna “Le Storie al Centro”. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti, telefonando al numero 035.399473 oppure inviando un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica bibliotecacaversazzi@comune.bg.it.

Alle 16.30 alla sala Alfredo Piatti si conclude il festival “Armonie della sera”, dedicato al pianoforte e ai suoi interpreti classici e contemporanei. In programma c’è un “Incontro di gesti per voce sola e danzatore”. In scena ci sarà la “voce sola” di Ljuba Bergamelli, cantante che, dopo essersi diplomata al Conservatorio, ha esplorato diverse pieghe della vocalità nella musica colta contemporanea e novecentesca. Ad accompagnarla: Simone Magnani, che dal teatro è approdato al mondo della danza contemporanea e di ricerca. Le musiche eseguite saranno di Fedele, Montalti e Corrado. Per avere ulteriori informazioni e prenotazioni telefonare al numero 035 575781. Il biglietto di ingresso singolo è di 10 euro, abbonamento 25 euro.

Alle 16,30 al teatro San Giorgio di Bergamo il Teatro Prova presenta lo spettacolo “Neve”, novità per il Natale 2015, per la regia di Chiara Carrara, con Andrea Rodegher e Marco Menghini. “La neve è fredda, è bagnata, appiccica e a che cosa serve? A rendere le strade scivolose. E poi è bianca. Bianco non è un colore”. Guido Giovanni la neve non riesce proprio a sopportarla. Per lui è un nemico contro cui combattere e da sconfiggere.
Ma cosa succede quando un cumulo di neve prende vita e ne esce un goffo, simpatico e un po’ magico Pupazzo di Neve? La paura per quella strana creatura lascia presto il posto allo stupore per la novità. Non tutto è come sembra e Guido Giovanni imparerà che andare oltre l’apparenza può portare a scoprire un mondo sorprendente. Il magico mondo di Neve, il pupazzo di neve. Neve trasporta Guido Giovanni in un’avventura di luci colorate, giochi, risate e parole gentili che trasformeranno l’incontro tra i due personaggi in un’amicizia forte e ricca di emozioni e affetto. Il risultato è che alla fine Guido Giovanni troverà in Neve un amico fidato del quale non potrà più fare a meno. Lo spettacolo rientra tra le proposte della rassegna “Giocarteatro 2015/16”. Il biglietto di ingresso è di 6 euro. L’esibizione dura circa 50 minuti ed è adatta per tutti, dai 3 anni in su. Per avere ulteriori informazioni e per prenotarsi telefonare al numero 035.4243079.

Alle 16.30 all’auditorium di piazza della Libertà va in scena lo spettacolo “La lampada di Aladino”, a cura della compagnia “L’Aprisogni e i suoi burattini”, dedicato al pubblico dai 3 ai 100 anni. “Tanti anni fa, in un paese lontano, lontano, al di là di sette mari, c’era un deserto giallo”. Dentro una caverna buia (e puzzolente!) due loschi individui consultano una sfera fatata. Le fortune e le sfortune del ragazzo Aladino hanno inizio qui ed il gioco che lo lega alla lampada dei desideri si dipana lungo tutto il racconto. Le avventure si rincorrono in una divertente sarabanda ben condita d’ironia. Il pubblico ascolta, assiste, parteggia e talvolta, motivatamente, è chiamato a prendere parte all’azione. In fin dei conti Aladino potrebbe essere te, o lui, o lei o me. Lo spettacolo, di e con: Cristina Cason e Paolo Saldari, ha una durata di 50 minuti circa. L’iniziativa rientra tra le proposte della rassegna “I teatri dei bambini”. Nel periodo natalizio gli spettacoli sono preceduti alle 15 laboratori per la creazione di “libri tattili” (prenotazione consigliata) e alle 16 merenda “Pane e fantasia”, mentre alle 16.30 inizia lo spettacolo. Non mancherà lo spazio libri, a cura della libreria Incrocio Quarenghi. Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 339.6721522.

– Alle 17.30 all’Edoné si tiene la presentazione di “Prendinota”, il nuovo percorso culturale alla scoperta di Donizetti e dell’opera lirica italiana, dei gioielli della pinacoteca Carrara e dei magici mondi della matematica e della musica. Un percorso rivolto ai giovani e meno giovani dei quartieri della città di Bergamo.

– Alle 18.30 al ristorante culturale “In dispArte”, a Bergamo in via Madonna della neve 3, si tiene la presentazione del libro “Alla fine della fiera”, in cui il giornalista Federico Ferrero parla dei reduci di Tangentopoli e di chi è uscito di scena dopo lo scandalo. Sono passati oltre 20 anni dal primo arresto, quello di Mario Chiesa, invischiato in una piccola questione di tangenti che, passo dopo passo, finì per travolgere l’intero sistema politico e amministrativo nazionale. Di quegli anni sono molti i ricordi: il capannello di giornalisti davanti al tribunale di Milano, i titoli sulle prime pagine dei quotidiani, le immagini di un Parlamento che ribolle, fino ai tumulti della protesta di piazza e il lancio delle monetine. Con il tempo l’attenzione si è assopita, volti e nomi di allora sono spariti o ricomparsi sotto nuove vesti. Alcuni uomini chiave di quella storia sono tornati al potere, ma non tutti quei protagonisti si sono riciclati, non tutti sono usciti indenni dal tornado giudiziario e giornalistico. Alcuni di loro, il cui nome ancora fa tornare alla mente indagini, manette e aule di tribunale, sono invece evaporati dalla scena politica, chi per scelta, chi per necessità. Nel libro ‘Alla fine della fiera’, scritto da Federico Ferrero (giornalista dell’Espresso e dell’Unità) si parla di loro e li si lascia parlare, per ricostruire la loro storia, per riflettere su ciò che è stato e pensare a ciò che, oggi, l’Italia sarebbe potuta essere. La parola quindi a Luca Magni, Luca Leoni Orsenigo, Roberto Mongini, Alberto Mario Zamorani, Chiara Moroni, Primo Greganti e Alessandro Patelli. L’ingresso alla serata è libero.

– Al Clash Club di Bergamo è in programma una serata-evento BCKGRND speciale. BCKGRND è la nuova serata deep/tech house che un giovedì al mese, al Clash Club di Bergamo, riporta in vita quella scena underground andata ormai perduta.
Il progetto si basa sul fatto che la cosiddetta Club Culture sia un non-luogo. La massima “Si scrive BCKGRND si legge Club Culture” descrive appieno quelle che sono le fondamenta di questo evento: un party in cui classici del genere, sonorità d’altri tempi e risonanze d’avanguardia si fondono per creare una nuova e unica esperienza sensoriale.
Il primo intento è quello di introdurre nella scena notturna bergamasca una situazione non omologata e non etichettabile dove, come alle origini della scena underground, chiunque si possa sentire “libero”, come dichiarato da uno degli organizzatori al magazine online “The City Hub”.
Una caratteristica dell’organizzazione è il ruolo fondamentale rappresentato dal resident dj KALOS – profondo conoscitore della scena underground a livello internazionale nonché produttore musicale tra i più versatili del settore – che si presenta come filo conduttore e forza trainante dei vari eventi. All’esperienza decennale del resident, saranno di volta in volta affiancati giovani esponenti della scena musicale locale – come CELLA per l’opening party e CIOZ in occasione del prossimo evento – selezionati per l’eclettismo e l’innovazione che sono in grado di apportare al genere. BCKGRND si rivela non solo come evento notturno ma come promotore diretto di quella che è una realtà musicale giovane e ben presente nel territorio.
L’esperienza decennale dei quattro organizzatori in quello che è il panorama notturno cittadino permette la creazione di un ambiente intimo e familiare che richiama quello presente nei primi night-club newyorkesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.