BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In forma con BgNews: il duro lavoro di Luca al TRX

Prosegue la nostra rubrica in collaborazione con la palestra ICLUB San Marco di Bergamo

Più informazioni su

Prosegue la nostra rubrica in collaborazione con la palestra ICLUB San Marco in piazzale della Repubblica a Bergamo. Tocca a Luca, alle prese con il TRX per potenziare la parte superiore del corpo.

Luca Palestra

Dopo il duro lavoro sui pettorali, prosegue il mio allenamento alla palestra IClub San Marco, nel tentativo, una vera e propria impresa, di rafforzare la parte superiore del corpo. Questa volta mi sono trovato alle prese con il TRX, un attrezzo, mi dicono, con cui si possono realizzare un numero praticamente infinito di esercizi e che ha la capacità di attivare contemporaneamente buona parte della muscolatura del corpo.

La spiegazione tecnica fornita dal personal trainer mi spaventa un po’. Praticamente qualsiasi muscolo del mio corpo verrà coinvolto. Ma intanto la curiosità di scoprire l’attrezzo prende il sopravvento. Dalla sala pesi mi trasferisco al piano superiore, tra vetrate trasparenti e una suggestiva visione della piscina illuminata al centro della palestra.
Prima di scoprire il misterioso oggetto, inizio con un po’ di riscaldamento, necessario per evitare infortuni o brutte sorprese quando sarà il momento di faticare per davvero. Una ventina di minuti tra cyclette ed esercizi vari per prepararsi al meglio al vero e proprio allenamento.

Una volta concluso il riscaldamento, finalmente incontro il famoso TRX. Un attrezzo costituito da cavi, staffe e maniglie, appeso al soffitto della palestra. Qualcosa di nuovo, mai visto o provato prima d’ora.

Per questo si inizia con un semplice esercizio: piegamenti a due braccia. Semplice in confronto al successivo, quando da due braccia si passa ai piegamenti a un solo braccio. 3 serie da 15, 5 con due braccia, 5 con uno e 5 con l’altro. Ci provo, c’è qualcosa da correggere, i cavi tremano perché si fa fatica, eccome se faccio fatica, ma alla fine porto a termine, con successo, le mie tre serie.

Ora è il turno delle trazioni. Anche in questo caso prima a due braccia, poi con una sola, stesso numero di serie e ripetizioni. Anche qui tanta fatica. Parto deciso ma dopo poco sono in estrema difficoltà. Quell’attrezzo comodo e al primo ipatto accogliente si rivela tosto, tostissimo. Dalle gambe al petto, il lavoro si fa sentire. Ma sono qui per questo, pronto a una nuova sfida.

L’ultimo esercizio è, infatti, un’evoluzione del TRX. Il Rip Trainer: un elastico e un maniglia in gomma, unita alla resistenza del personal trainer, quanto basta per far lavorare tricipiti e dorsali, oltre ai muscoli delle gambe. Un esercizio completo. 4 serie da 12. All’apparenza il meno faticoso, ma l’apparenza inganna. Un movimento lento e continuo che sfianca.

Arrivato all’ultima serie, non sono sicuro di potercela fare. I muscoli del mio corpo chiedono aiuto, ma voglio vincere la sfida con il TRX. In qualche modo, a denti stretti, concludo anche questo esercizio.

Allenamento per pettorali, tricipiti e dorsali completato: Luca-TRX 3 a 0.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.