BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pontoglio paese di cultura occidentale e cristiano”, polemica per il cartello

La nuova segnaletica marrone è visibile ai confini con i comuni di Palazzolo, Palosco, Urago d’Oglio, Cividate al piano e Chiari.

“Pontoglio. Paese a cultura occidentale e di profonda tradizione cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene”. E’ la scritta che compare sui nuovi cartelli stradali installati a Pontoglio, paese della provincia di Brescia al confine con quella di Bergamo.

La nuova segnaletica marrone è visibile (non si sa quanto, visto la lunghezza delle scritte) ai confini con i comuni di Palazzolo, Palosco, Urago d’Oglio, Cividate al piano e Chiari.

La foto con il cartello è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Comune e in poco tempo è stata condivisa da migliaia di persone scatenando molte polemiche. “L’iniziativa, in linea con le precedenti, rispetta – dichiara il Sindaco Alessandro Seghezzi – le linee programmatiche di inizio mandato. E’ un invito a rispettare la cultura e le tradizioni locali. Una cultura che si fonda sul rispetto reciproco: dalla donna alla musica, dall’arte ai costumi, dalle usanze ai riti tradizionali. Il rispetto altrui, è per noi, la prima vera forma di civiltà e libertà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Willy-79

    Capito? Basta Halloween e Babbo Natale. Solo Santa Lucia e Gesù Bambino. Altrimenti cercatevi un altro paese

  2. Scritto da mario59

    Di fatto, già una scritta del genere, non ha nulla da condividere con la cristianità, quella vera e non quella strumentale, ad uso e consumo di certa becera politica.

  3. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

    Trovo vergognoso che un rappresentante delle istituzioni (piccole o grandi, centrali o periferiche non importa) si occupi di queste cose o associ il suo ruolo a una qualsiasi forma di credo, religione o scaramanzia (cose che spesso coincidono).
    Lo Stato è laico, quindi caro sindaco o si comporta come tale oppure ci faccia il piacere di dimettersi, perchè prese di posizione come questa sono INCOMPATIBILI con il suo ruolo e quello che lei rappresenta.

  4. Scritto da giggi

    e via soldi per i cartelli. queste sono le priorità!