BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In casa 44 chili di marijuana: arrestati fidanzati a Locate fotogallery video

Il ragazzo, D.S. nato a Bergamo e residente a Ponte San Pietro, e la fidanzata, B.G., veronese di nascita e di residenza, sono stati sorpresi dagli agenti mentre stavano per uscire di casa: nell'appartamento 9 sacchi di marijuana da 5 chili ciascuno.

In casa, un appartamento di Locate di Ponte San Pietro, avevano qualcosa come 44 chili di marijuana: due ragazzi italiani di 24 e 26 anni, fidanzati, sono così finiti in manette nella notte tra sabato 12 e domenica 13 dicembre, fermati dalla squadra mobile della questura di Bergamo.

Sequestro droga

Il ragazzo, D.S. nato a Bergamo nel 1991, residente a Ponte San Pietro, professione elettricista, e la fidanzata, B.G., veronese di nascita e di residenza, commessa, sono stati sorpresi dagli agenti mentre stavano per uscire di casa: nonostante in un primo momento abbiamo tentato di negare la presenza della droga il forte odore di marijuana ha spinto la squadra mobile all’interno dell’appartamento dove sono stati trovati 9 sacchi contenenti complessivamente 44 chili della sostanza stupefacente.

La sera stessa i fidanzati sono stati portati in carcere: per il ragazzo il gip ha disposto gli arresti domiciliari, mentre la ragazza è stata rimessa in libertà.
Entrambi erano incensurati: a loro gli agenti sono arrivati grazie ad una fonte confidenziale e alle segnalazioni dei residenti, insospettiti dal via vai continuo e dal forte odore che proveniva dall’appartamento.

Grazie a degli appostamenti, la polizia ha potuto constatare come il “traffico” da e per l’appartamento era effettivamente fitto: i sacchi contenenti la droga, tre occultati dietro una porta, i restanti sopra un armadio, sono stati sequestrati insieme ad alcuni strumenti di precisione e per il confezionamento dello stupefacente. Ancora sconosciuta la provenienza della droga che veniva spacciata sul mercato locale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da techetatachet

    ma come la fornero spronava i giovani a non essere troppo choosy… questi avevano finalmente avviato una fiorente attivita’ e gliela stroncano cosi? Stato ingrato!