BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il vescovo Beschi agli studenti: “coltivate relazioni significative”

Il Vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, n visita all’Ufficio Scolastico in occasione del Natale esorta gli studenti: “Ragazzi, per abitare la vita coltivate relazioni significative” .

“Per voi, ragazzi, la scuola è una casa. Anche Gesù venne ad abitare in mezzo a noi. Il mistero del Natale è la nascita di un Dio misericordioso che ricerca per primo relazioni umane e che dà significato alla nostra vita”. Così il Vescovo Francesco Beschi ha salutato gli studenti presenti allo scambio di auguri, in occasione delle imminenti festività natalizie, all‘Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, in via Pradello, accolto dalla dirigente Patrizia Graziani e da tutto il suo staff.

Proprio gli studenti sono stati i protagonisti dello scambio di auguri con il mondo della scuola, come ha sottolineato Patrizia Graziani, ringraziandoli per i doni realizzati e il contributo dato al momento gioioso di Festa quasi come un “polo delle arti”.

I giovani, il mondo della scuola, le immagini della casa, dell’abitare, l’importanza di relazioni significative sono stati i temi centrali.

“Noi oggi apparteniamo a mille mondi diversi e avvertiamo il senso dell’estraneità, eppure possiamo abitare la nostra vita, la casa, la città, il mondo, abitare insieme agli altri – ha detto il Vescovo Beschi -: dobbiamo coltivare relazioni significative e impegnative. Oggi, voi ragazzi, lo avete fatto, con l’immagine della città-casa del pannello decorativo, con la musica che è cura delle relazioni, con la fotografia …”.

vescovo

Un messaggio energetico di positività, speranza e futuro è stato anche quello lanciato da Patrizia Graziani, immaginando la scuola e anche lo stesso Ufficio scolastico come una casa, ricordando anche la professionalità e l’intenso lavoro dal personale, che “fa onore alla pubblica amministrazione, con grande impegno, responsabilità e spirito di dedizione, offrendo un servizio pubblico che si rivolge ai giovani con al centro la scuola”.

“Il Santo Natale – ha rimarcato la dirigente Graziani – è un’occasione anche per ritrovare le nostra radici culturali ed europee, che affondano nel Cristianesimo. Voglio concludere con una frase di Papa Benedetto XVI, il Natale è una festa universale, è la festa che canta il dono della vita”.

L’incontro è stato aperto da Elisa Manzoni del Liceo artistico “Manzù” di Bergamo che ha illustrato il pannello decorativo da lei realizzato, rappresentante lo skyline di Bergamo, alta e bassa, posto ad abbellire la sala conferenze dell’Ufficio scolastico (in sala una rappresentanza dell’istituto, con il dirigente Calogero De Gregorio e la docente Barbara Mocibob).

A rendere ancor più gioiosa l’atmosfera lo squillare di corni, trombe e tromboni del gruppo ottoni del Liceo musicale “Suardo” di Bergamo, diretto dal maestro Giovanni Abbiati (presente anche il dirigente Giuseppe Pezzoni).

vescovo


Gli studenti dell’Istituto “Caniana” di Bergamo hanno pensato ai doni per il Vescovo, confezionando – come ha spiegato il dirigente Claudio Berta – un’originale stella augurale a cura del laboratorio degli studenti disabili, nonché una bellissima fotografia in bianco e nero, a cura della studentessa Erica Finazzi: rappresenta due mani che si stringono, sormontate da un elemento grafico con fili che si intrecciano, perché, come recita la scritta, “la vita è un intreccio di storie e sentimenti”.

L’Istituto agrario “Rigoni Stern” di Bergamo, con il dirigente Carmelo Scaffidi, ha predisposto l’addobbo floreale e l’Istituto alberghiero di San Pellegrino Terme, con il dirigente Luigi Brizio Campanelli, ha pensato al buffet finale. Ad abbellire la sala anche un presepe etnico per favorire il dialogo interreligioso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.