BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalmine stronca la Bergamo-Treviglio: “Inaccettabile senza il nuovo casello”

Chiamata in causa da un'interrogazione del gruppo consiliare “Nostra Dalmine” Lorella Alessio ha definito “inaccettabile” la proposta presentata dalla Provincia di Bergamo.

Il nuovo progetto della superstrada Bergamo-Treviglio non convince sindaco e Giunta di Dalmine. Chiamata in causa da un’interrogazione del gruppo consiliare “Nostra Dalmine” Lorella Alessio ha definito “inaccettabile” la proposta presentata dalla Provincia di Bergamo che non prevede lo spostamento del casello autostradale.

Il progetto è atteso da anni: attualmente infatti chi deve raggiungere la Villa d’Almè-Dalmine è costretto a percorrere il rondò sulla ex statale 525 con pesanti conseguenze per il traffico: “La nuova proposta presenta rilevanti elementi di criticità per il territorio di Dalmine – spiega il sindaco Alessio -. Non si affronta lo spostamento del casello dell’autostrada. In alternativa si propone un cavalcavia per l’accesso diretto dell’A4 dalla Bergamo-Treviglio, elemento chiave per l’attrattività commerciale dell’opera. Questa soluzione potrebbe addirittura aggravare il congestionamento del traffico in quel nodo. Senza contare che la realizzazione del nuovo svincolo potrebbe introdurre problematiche di impatto ambientale/paesistico particolarmente severe per la frazione di Guzzanica e rendere remote le prospettive di una traslazione definitiva del casello A4. Ciò è inaccettabile, atteso che la naturale collocazione del casello, alla luce dell’attuale assetto viario, sarebbe in località Stezzano. Il congestionamento degli svincoli autostradali è un problema cronico, molto serio, che limita l’efficienza stessa di questo importante collegamento e vanifica parzialmente la quarta corsia. Questa amministrazione intende porre con forza ed a tutti i livelli il problema, affinché la risoluzione diventi un obiettivo strategico e non resti una mera questione locale”.

Il capogruppo di Forza Italia Gianluca Iodice punta il dito contro il Partito democratico e il presidente della Provincia Matteo Rossi: “ Il Sindaco Alessio, parlando a nome del PD dalminese, ha delineato un quadro critico, sottolineando come la nuova ipotesi di progetto presentata dal PD provinciale vanifichi la programmazione territoriale di Dalmine, rendendo impossibile il tanto agognato spostamento del casello e in generale il decongestionamento del traffico sulla ex 525. Insomma, sembra proprio che il Presidente Rossi abbia deciso di non tenere in nessun conto le esigenze di Dalmine e dei comuni circostanti, che sono soffocati da un traffico di attraversamento ormai intollerabile. In tutto questo, il Sindaco Alessio insegue chimere irrealizzabili, o almeno così mostra di fare per non tradire le aspettative dei comitati che l’hanno sostenuta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.