BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tentò di uccidere la moglie a colpi di coltello: condannato a 7 anni

Il 13 dicembre 2014 l'uomo impugnò un coltello da cucina e colpì per sette volte la donna che aveva sposato nel 1988 e dalla quale aveva avuto tre figli

E’ stato condannato a 7 anni di reclusione il 59enne marocchino che il 13 dicembre 2014 tentò di uccidere la moglie di 50 anni con sette coltellate.

Alla base di quel violento litigio, avvenuto nella camera da letto della loro abitazione in un paese dell’hinterland, non ci sarebbero stati motivi di carattere religioso come aveva raccontato la donna, che aveva detto che l’uomo l’avrebbe costretta a indossare il velo islamico.

In aula l’uomo ha invece ammesso che a scatenare la sua violenza fu la gelosia. Una versione confermata anche da una figlia della coppia, che ha parlato di rapporti incrinati e di frequenti litigi tra i due ma non per motivi legati all’islam.

Fino al drammatico episodio del 13 dicembre 2014, quando l’uomo ha impugnato un coltello da cucina e ha colpito per sette volte la donna che aveva sposato nel 1988 e dalla quale aveva avuto tre figli.

Oggi, martedì 15 dicembre, la sentenza di condanna della Corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja: 7 anni di reclusione per tentato omicidio e 50mila euro di risarcimento alla moglie.

Una pena superiore a quella avanzata dal pubblico ministero Fabio Pelosi, che aveva chiesto 5 anni e 4 mesi di reclusione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.