BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Migranti, l’Ue all’Italia: “Impronte digitali anche con la forza”

Nel rapporto della Commissione Ue si chiedono nuovi sforzi, come l'apertura di due nuovi hotspot a Pozzallo e Porto Empedocle, e la necessità di identificare, anche con la forza se necessario, tutti coloro che entrano nel Paese.

Prendere le impronte digitali anche con la forza e aprire subito due hotspot a Pozzallo e Porto Empedocle: sono queste le richieste contenute nel rapporto della Commissione Ue sull’Italia in materia di immigrazione che sottolinea come al momento l’unico dei sei centri operativi designati, quello di Lampedusa, è pienamente operativo.

Bruxelles chiede dunque nuovi sforzi all’Italia ma senza alcuna tensione tra le parti: “Mi sembra ingiusta e irragionevole questa procedura di infrazione – ha commentato il ministro dell’Interno Angelino Alfano – ma sono convinto che alla fine tutto sarà, in termini tecnici, condiviso. Perchè dal punto di vista tecnico abbiamo ragione noi, oltre ad avere ragione dal punto di vista politico. Il piano strategico dell’Ue è fatto di hotspot e anche del ricollocamento dei profughi e dei migranti, quindi è chiaro che noi dobbiamo aprire gli hotspot ma è altrettanto chiaro che deve funzionare il processo di ricollocamento”.

Processo di ricollocamento che potrebbe subire una frenata verso la Germania visto l’impegno preso dalla cancelliera Angela Merkel nei confronti del suo partito di ridurre il flusso di migranti in arrivo nel Paese.

Il commissario Ue Dimitris Avramopoulos ha comunque applaudito l’Italia per il lavoro che sta svolgendo nella gestione dell’emergenza, chiarendo alcuni punti: “E’ assolutamente necessario non mettere assieme rifugiati, migranti e terroristi. Dobbiamo affrontare le cause alle radici e non vittimizzare tutti i musulmani. Tutti i paesi sono stati sorpresi dagli eccezionali flussi migratori”.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    Nel lontano 1979 quando fui chiamato a svolgere il servizio militare, mi presero le impronte digitali…poichè non avevo nulla da nascondere e non ne ho tutt’ora, non ne ho fatto alcun dramma.
    Quindi se per la sicurezza di tutti, è indispensabile prendano le impronte a chi entra in Europa, purchè rispettino la dignità delle persone che chiedono di transitare o stare nel nostro paese.