BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le medaglie di Piero Cattaneo raccolte in un volume fotogallery

L’Associazione Piero Cattaneo ha promosso, con il sostegno della Fondazione Credito Bergamasco, la prima pubblicazione dedicata alla produzione medaglistica dello scultore Piero Cattaneo

Più informazioni su

L’Associazione Piero Cattaneo ha promosso, con il sostegno della Fondazione Credito Bergamasco, la prima pubblicazione dedicata alla produzione medaglistica dello scultore Piero Cattaneo (Bergamo 1929-2003) che verrà presentata a Bergamo mercoledì 9 dicembre (alle 18) alla sala Traini del Credito Bergamasco alla presenza di Angelo Piazzoli (segretario generale dela Fondazione Credito Bergamasco), Andrea Onorato Cattaneo (dell’Associazione Piero Cattaneo) e Marcella Cattaneo (autrice del volume).

Curato da Vezio Carantani, profondo conoscitore e cultore numismatico, recentemente scomparso (+Bergamo 2014) e da Marcella Cattaneo, storica dell’arte del ’900, il volume, “Piero Cattaneo MEDAGLIE 1962-2001” edito dalla casa editrice Grafica & Arte, si apre con un susseguirsi di immagini altamente suggestive, che passano con grande disinvoltura dai capolavori scultorei dell’arte italiana del passato alle interpretazioni personalissime del nostro mondo industriale, con una coerenza linguistica ed una capacità di tensione che non lascia mai il passo.

Nel saggio introduttivo viene posto l’accento sull’intero procedimento che sta alla base della medaglia, presentando materiali inediti ed estremamente rari: dai primi schizzi su carta, ai modelli in plastilina, fragilissimi e che rivelano tutta la capacità plastica di Cattaneo, al loro calco in gesso in negativo sempre diretto dalle mani dell’artista. Ecco dunque che quel piccolo tondo in bronzo rivela da sempre una perizia tecnica ed artistica sovente trascurata.  

Piero Cattaneo. La costruzione della forma

Quel circoscritto mondo racchiuso nel cerchio di un compasso è in realtà espressione diretta della grande scultura. La conoscenza delle diverse tecniche del rilievo ha consentito a Cattaneo una libertà formale estremamente notevole che lo ha spinto oltre, sino a rompere la forma stessa del cerchio, con profili mossi, o squadrati, ma soprattutto cercando nel piccolo spessore di pochi millimetri di offrire una profondità spaziale che procede per piani sovrapposti o scegliendo la curva morbida della forma convessa in aggetto, poi drasticamente spaccata e lesa dalla forza di ingranaggi “metallici”.

Un racconto ininterrotto che dalle sculture sconfina alle medaglie e viceversa. Con un’attenzione sempre rivolta al concetto di traccia, di impronta di qualcosa che è già della nostra realtà, ma che quando entra nelle sue composizioni, diviene altro, suggestione formale di quel lessico così inconfondibile e penetrante. 120 medaglie che nel loro darsi anno per anno dal 1962, con la medaglia della Fondazione Reggiani, all’ultima realizzata per il centenario della morte di Michele Coppino nel 2001, danno testimonianza di un percorso artistico estremamente ricco, per linguaggi e soluzioni innovative, ogni volta così nuovo sorprendente: 120 piccoli, grandi metalli che racchiudono un fascino sottile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.