BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fondi per il sociale a rischio, è allarme per il 2016 video

Quello di via Tasso è un grido d'orgoglio e allo stesso tempo di allarme a causa dell'incertezza con cui si appresta ad iniziare il nuovo anno.

A cosa servono le Province? Una piccola grande risposta alla domanda che molti si pongono è stata data giovedì mattina dal presidente Matteo Rossi che ha spiegato tutti i numeri e soprattutto i fondi garantiti per i Servizi sociali: assistenza a ragazzi con disabilità visive, uditive, con difficoltà a muoversi. Si parla di centinaia di persone che senza il supporto costante garantito da via Tasso non riuscirebbero a frequentare le scuole superiori con il sostegno di educatori. Quello di via Tasso è un grido d’orgoglio e allo stesso tempo di allarme a causa dell’incertezza con cui si appresta ad iniziare il nuovo anno. Senza certezze sulla ripartizione dei fondi della legge Delrio il rischio è di tagliare o, peggio, cancellare l’assistenza. Per il 2015 infatti, nonostante non sia più compito della Provincia, gli uffici hanno garantito 6 milioni e 272 mila euro per non lasciare per strada le persone che richiedono un aiuto. Di questa cifra viene rimborsato dallo Stato e dalla Regione solo il 23%.

Trasporto alunni disabili

E’ per questo motivo che il presidente Matteo Rossi ha deciso di scrivere una lettera a parlamentari e consiglieri regionali: “Non abbiamo mai girato la testa dall’altra parte – spiega il presidente -: una funzione viene spesata con i nostri soldi nonostante non sia più compito nostro come previsto dalla legge Delrio. Pensiamo di essere bravi a farlo, ma con risorse certe, pari al 100%. Ci abbiamo messo noi più del 77%, quindi qualcosa non funziona. Quindi abbiamo deciso di scrivere ai parlamentari e ai consiglieri regionali in cui si chiede di dare attuazione fino in fondo alla riforma. Non stiamo mettendo ostacoli, stiamo provando ad attuarla in senso innovativo però al centro deve esserci l’attenzione ai cittadini più debole. Se la riforma Delrio non viene completata il 2016 è preoccupante. Chiediamo che si risolvano le contraddizioni, anzi subito con le leggi di stabilità nazionale e regionale, e soprattutto certezza normativa per le fasce più deboli della popolazione”. 

Protesta dei disabilicontro la finanziaria

Ecco le funzioni garantite dalla Provincia di Bergamo:

Integrazione scolastica dei disabili sensoriali. Per l disabilità uditiva si parla di 82 studenti seguiti da 35 istruttori educativi. Per la disabilità visiva invece 62 studenti seguiti da 30 lettori.

Trasporto studenti disabili delle scuole superiori: 91 studenti per 40 Comuni con una spesa di 274 mila euro per l’anno scolastico 2014/2015.

Assistenza educativa dei disabili frequentanti la scuola superiore. Assistenza educativa per 503 studenti con una previsione di spesa di 4 milioni di euro.

Nuovo piano provinciale disabili per l’inserimento lavorativo.

Area autismo e spazio famiglia.

Formazione per gli operatori sociali Formazione continua degli assistenti sociali.

Osservatorio immigrazione Ufficio associazionismo e volontariato.

Coordinamento degli sportelli immigrazione.

Commissione consultiva per l’abbattimento ed il superamento delle barriere architettoniche.

Progetto contro il bullismo.

Sostegno a casa amica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.