BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sicurezza, anche a Treviolo nasce il gruppo “di controllo del vicinato”

Come in molti paesi della provincia di Bergamo, anche a Treviolo sta per nascere il gruppo “di controllo del vicinato”

Come in molti paesi della provincia di Bergamo, anche a Treviolo sta per nascere il gruppo “di controllo del vicinato”, una rete di Il programma prevede l’auto-organizzazione tra vicini per controllare l’area intorno alle proprie abitazioni e gli spazi: “E’ un patto solidale tra vicini di casa e serve per ri-attivare quelle norme di buon vicinato in cui si è cresciuti – si legge nella comunicazione in cui si annuncia l’avvio del progetto -. La collaborazione e la fiducia tra vicini sono fondamentali perché s’instauri un clima di sicurezza che sarà percepito da tutti i residenti (anche da chi non partecipa al Programma) e particolarmente dalle fasce più vulnerabili, come anziani e persone sole. Il senso di vicinanza, unito alla certezza che i nostri vicini non resteranno chiusi in casa di fronte ad un’emergenza, trasmette un forte senso di appartenenza e di sicurezza e rafforza i legami tra i membri della comunità. Dove il Programma del Controllo del Vicinato è attivo, i molti occhi dei residenti sugli spazi pubblici e privati rappresentano un deterrente contro i furti nelle case e un disincentivo per altri comportamenti illegali (graffiti, scippi, truffe, vandalismi, ecc.)”. Il Controllo del Vicinato agisce sull’assenza di un controllore, restituendo ai residenti la capacità di controllare il proprio territorio, e sul bersaglio disponibile rafforzando gli obiettivi attraverso l’individuazione delle vulnerabilità strutturali, ambientali e comportamentali e la messa a punto di misure di prevenzione mirate, riducendo così le opportunità per i ladri. Mentre lascia il compito di reprimere il potenziale aggressore alle Forze dell’Ordine. Il Programma prevede, oltre alla sorveglianza della propria area, l’individuazione delle vulnerabilità strutturali, ambientali e comportamentali che rappresentano sempre delle opportunità per gli autori di furti nelle case. Partecipare a un gruppo di Controllo del Vicinato non fa correre alcun rischio, non richiede alcun atto di eroismo né alcuna attività di pattugliamento. I residenti continuano a svolgere le proprie attività, ma con una diversa consapevolezza del proprio ambiente”.

Il referente del GCV è il signor Daniele Cappellano che a breve convocherà un’assemblea pubblica per la presentazione del progetto e la raccolta delle adesioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.