BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Expo Deutsch 2015 Sabato al Polaresco fiera della lingua tedesca

Sabato 28 novembre, dalle 15 alle 18, ha luogo Expo Deutsch 2015, la fiera della lingua e della cultura tedesca organizzata dal gruppo Projekt Deutsch Bergamo con il sostegno del Goethe Institut di Milano e della Scuola Svizzera di Bergamo.

Più informazioni su

Sabato 28 novembre, dalle 15 alle 18, ha luogo Expo Deutsch 2015, la fiera della lingua e della cultura tedesca organizzata dal gruppo Projekt Deutsch Bergamo con il sostegno del Goethe Institut di Milano e della Scuola Svizzera di Bergamo. La “fiera del tedesco” si rinnova quest’anno presso l’auditorium dello Spazio Polaresco, in uno spazio in grado di ricevere i visitatori che nelle edizioni precedenti hanno partecipato numerosi.

Al centro dell’iniziativa è la lingua tedesca, importantissima per l’economia e il lavoro dei Bergamaschi (e non solo): lingua ufficiale di paesi vicini come Germania, Austria, Svizzera e Alto Adige (con 100 milioni di parlanti nativi, il tedesco è la madrelingua più diffusa in Europa), il tedesco è soprattutto la lingua su cui poggia il maggiore volume di scambi commerciali. Una “marcia in più” davvero preziosa per chi studia o cerca lavoro, soprattutto di questi tempi.

TURISMO

Si sente spesso dire che il turismo è il “petrolio italiano”. È allora opportuno interrogarsi sui suoi flussi di provenienza. Lo facciamo con Andrea Rota, autore di numerose ricerche e pubblicazioni sulla cultura dei paesi di lingua tedesca: “Tra i turisti stranieri in Italia, quelli di lingua tedesca apportano il maggior introito economico assoluto. La Banca d’Italia registra che nel 2014 la spesa dei visitatori austriaci, tedeschi e svizzeri è ammontata a 8,9 miliardi di Euro. I turisti di madrelingua inglese (Statunitensi, Canadesi e Inglesi) hanno portato 7,6 miliardi di Euro nelle casse del Belpaese; Francesi e Belgi hanno speso 3,8 miliardi; Spagnoli, Argentini e Messicani (tra gli stati ispanofoni, quelli con i volumi più significativi) 1,6 miliardi, i Russi 1,3”.

Dati che forse potranno stupire i nostri lettori, ma che abbiamo verificato anche noi sul sito della Banca d’Italia (clicca qui).

IMPORT-EXPORT

Quanto affermato per il turismo vale anche per l’import-export: Grazie agli investimenti nella ricerca e ad un sistema industriale altamente specializzato, la Germania ha affrontato con successo la crisi e si conferma ‘motore d’Europa’. Non a caso gli indicatori economici tedeschi figurano tra i principali riferimenti per gli indicatori di altri paesi europei, Italia in testa (lo “spread”, ad esempio, indica il divario tra i titoli di stato europei e i Bund tedeschi). Con il 15,4% delle importazioni e il 12,6% delle esportazioni, la Germania resta sempre il nostro primo partner commerciale.

Se a tali cifre si sommano anche quelle di Austria e Svizzera, ne consegue che nel 2014 ben il 20,4% delle importazioni e il 19,5% delle esportazioni italiane hanno riguardato paesi di lingua tedesca. Simili risultati staccano di gran lunga anche quelli di giganti economici come Cina, USA. Anche questi dati sono verificabili al sito del Ministero (tabella import (clicca qui) e tabella export (clicca qui), periodicamente aggiornate).

SCUOLA, LINGUA, LAVORO

Alla luce dei dati sopra riportati sarebbe logico aspettarsi che dopo l’inglese, il tedesco sia la lingua straniere più diffusa nelle scuole lombarde. Tuttavia non è così: nelle scelte scolastiche molti alunni e genitori sembrano avere spesso privilegiato, fin dalle scuole medie, ciò che suona semplice o “di moda” a ciò che è realmente utile per il futuro.

“In moltissimi casi”, spiega Andrea Rota, “prevale la convinzione semplicistica che le possibilità d’impiego di una lingua straniera siano proporzionali al numero di persone che la parlano. Nella realtà dei fatti questa proporzione è assolutamente fuorviante: è infatti l’effettivo interscambio economico-commerciale legato alle diverse lingue straniere a determinare la loro richiesta nel mondo del lavoro”.

A BERGAMO LA FIERA DEL TEDESCO

Expo Deutsch Bergamo sarà un’occasione in cui sperimentare, tra un bicchiere di Glühwein e una fetta di Apfelstrudel, le possibilità che la lingua di Goethe offre in campo professionale, culturale e gastronomico. L’iniziativa è gratuita e aperta a tutti.

Programma di Expo Deutsch 2015

h. 15.00 Apertura ufficiale della Fiera: “Imparare il tedesco, perché?” Motivazioni di una scelta.

h. 15.30 Intrattenimento musicale a cura dell’orchestra della Scuola Media Mazzi di Bergamo.

h. 16.00-18.00 Attività in tedesco con il Deutschwagen, il camper del Goethe Institut con materiale ludico- didattico. Endlich Urlaub! Alla scoperta del turismo nei paesi di lingua tedesca (a cura dell’Ente Nazionale Germanico per il Turismo).

Kinder lernen Deutsch: laboratorio musicale per bambini, letture d’infanzia, lezioni di base con docenti madrelingua.

L’arte incontra il tedesco: le proposte di Gamec.

La lingua tedesca e il lavoro: presentazione di un’azienda tedesca della provincia di Bergamo.

Expo Deutsch Bergamo, Fiera della lingua e cultura tedesca

Sabato 28 novembre 2015, ore 15-18 c/o Spazio Polaresco, Via del Polaresco, 15 – Bergamo.

Tutti i dettagli sul sito www.expodebg.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.