BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Albino, il Comune ripropone il bando per lavori occasionali per disoccupati

A un anno dal primo bando per la realizzazione di una graduatoria per i lavori occasionali retribuiti tramite voucher dal Comune di Albino, l’amministrazione comunale ha deciso di proporre nuovamente questa importante iniziativa che nel 2015 ha consentito ad oltre 20 albinesi di lavorare per alcuni mesi per il nostro Comune. Lo annuncia il vicesindaco Daniele Esposito.

A un anno dal primo bando per la realizzazione di una graduatoria per i lavori occasionali retribuiti tramite voucher dal Comune di Albino, l’amministrazione comunale ha deciso di proporre nuovamente questa importante iniziativa che nel 2015 ha consentito ad oltre 20 albinesi di lavorare per alcuni mesi per il nostro Comune. Lo annuncia il vicesindaco Daniele Esposito.

Il Comune cerca persone disponibili a svolgere nel 2016 un lavoro occasionale nelle seguenti attività:

– lavori di giardinaggio, pulizia, tinteggiatura e manutenzione di edifici, strade, parchi, giardini, aree a verde e altri immobili di proprietà del Comune di Albino;

– lavori di emergenza (es. neve);

– lavori a sostegno attività d’ufficio.

L’amministrazione ha ritenuto importante individuare nei disoccupati e negli inoccupati iscritti al centro dell’impiego i soggetti che potranno partecipare a questo bando. In questo modo si consente alle persone in difficoltà di poter svolgere un’attività retribuita in favore del Comune e della collettività.

Questo progetto, denominato “BUONI ALBINO LAVORO”, vuole evitare l’erogazione di contributi economici a fondo perduto, prassi tipica dell’assistenzialismo puro, consentendo, invece ai beneficiari di restituire alla collettività quanto ricevuto nei momenti di difficoltà e di bisogno.

Possono presentare la domanda coloro che, alla data di presentazione della stessa, rispettino i seguenti requisiti:

a. età superiore a 25 anni e fino all’età pensionabile (alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda);

b. residenza nel Comune di Albino;

c. essere disoccupato o inoccupato;

d. assenza di condanne penali e non avere in corso procedimenti penali pendenti che impediscano di svolgere attività con la Pubblica Amministrazione;

e. cittadinanza italiana o straniera di Stati anche non appartenenti all’Unione Europea, in condizioni di regolarità del soggiorno;

f. conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta;

g. non godere di trattamenti pensionistici;

h. immediata disponibilità al lavoro richiesto;

i. non essere stati destituiti o sollevati da incarichi per inadempienze o dispensati dall’impiego presso una qualsiasi pubblica amministrazione;

l. idoneità fisica a svolgere attività lavorativa prevista dal presente bando;

m. non essere iscritto al Registro delle imprese delle Camere di Commercio italiane;

n. appartenenza ad un nucleo familiare con un indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) pari o inferiore a Euro 16.000,00 calcolato sui redditi dell’anno 2014, risultante da apposita attestazione;

o. disponibilità a spostamenti sul territorio comunale con mezzo proprio (si fa presente che non si avrà diritto a nessun tipo di rimborso di spese: né carburante né viaggio o di altro tipo).

Gli interessati dovranno, a pena di esclusione, consegnare e presentare la relativa domanda, compilando l’apposito modello, esclusivamente a mano presso l’Ufficio Protocollo entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 30/12/2015.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CARLO

    io preferisco o inserirli nei cassoni o portarli direttamente alla CARITAS

    1. Scritto da Angelo

      Che genio….. Nel cassonetto va buttata l’ignoranza!!!!

  2. Scritto da XXX

    “Disponibilità a spostamenti sul territorio comunale con mezzo proprio”gia li pagano una miseria,e poi in più dovrebbero possedere anche un mezzo proprio per gli spostamenti?! E l’atrezzatura per svolgere mansione assegnata sela portano nel bagagliaio,o sul portapacchi se non in possesso di automobile? E se durante gli spostamenti capita un sinistro chi risponde,il disoccupato che sicuramente ha la casco…!?