BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Telefoni aziendali, iPhone sostituisce BlackBerry Google spinge Android Pay

Le notizie dal mondo high tech come ogni giorno riassunte in una manciata di minuti dal nostro Luca Viscardi: i principali titoli di mercoledì 25 novembre riguardano Xiaomi, Android Pay, i telefoni business e Instagram.

Consueto appuntamento quotidiano con le daily news hi tech del nostro Mister Gadget che come ogni giorno riassume in una manciata di minuti le principali notizie in arrivo dal vasto mondo della tecnologia.

Mercoledì 25 novembre impossibile non parlare dei due nuovi prodotti presentati da Xiaomi, il MiPad 2 e il Redmi Note Pro 3. In Redmi Note Pro 3, in particolare, è molto interessante: display da 5,5 pollici, due o tre giga di ram a seconda del modello, un sensore di impronte digitali e un prezzo di 140 dollari per il modello base davvero molto competitivo. Così come competitivo è il prezzo del modello da 64 giga che costa 172 dollari.

Una news importante dal mondo del business: il 66% dei telefoni attivati per utenze aziendali nell’ultimo trimestre sono iPhone. Una volta il segmento era dominato da BlackBerry mentre ora Apple si è appropriata di una fetta consistente, quella che Android ha sempre voluto ma che non è mai riuscita a ottenere.

Google continua a spingere Android Pay e ha annunciato che per ogni pagamento effettuato con questo metodo fino alla fine dell’ano donerà un anno alle attività benefiche indicate sul proprio sito.

Se siete degli “Instagrammers” occhio al nuovo trend di quest’anno: se avete la barba la tendenza all’ultima moda è quella di coprirsela di glitter prima di farsi una foto.

Ultima notizia da Huawei che aggiorna il proprio smartwatch nelle prossime ore con nuove app e nuove Watch Faces.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.