BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pronto ad atti di martirio” Espulso un tunisino residente in Brianza

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha firmato il decreto di espulsione per un cittadino tunisino intercettato mentre esprimeva tutto il suo odio per l'Occidente e si diceva disponibile a un'azione di martirio.

Più informazioni su

Sarebbe stato pronto a compiere atti di terrorismo e un’azione di martirio: con queste motivazioni il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha firmato il decreto di espulsione per un cittadino tunisino residente in Brianza.

Un’espulsione che segue quelle avvenute a Bologna nella giornata di lunedì quando la Digos, su indacazione del Viminale, ha fatto scattare il provvedimento per quattro cittadini marocchini residenti da anni nel capoluogo emiliano: in loro possesso era stato trovato materiale propagandistico di stampo jihadista e indicazioni su come fabbricare ordigni, causare disordini in città e compiere un attentato alla Banca Centrale Europea.

“Sono sessanta le espulsioni eseguite dalla fine dello scorso mese di dicembre – ha spiegato Alfano – Grazie al lavoro che abbiamo fatto e ai nostri sistemi di sicurezza e prevenzione è stato possibile intercettare, in un ristrettissimo contesto, le sue parole intrise di sentimenti di odio nei confronti dell’Occidente e la sua disponibilità a realizzare un’azione di martirio e persino a uccidere la moglie italiana, dalla quale era separato, temendo che potesse fare convertire al cristianesimo i figli minori a lei affidati. Noi garantiamo la libertà di culto e tuteliamo chi intende professarla ma espelliamo chi non rispetta le leggi del Paese che lo ospita e in cui vive”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Cinema.
    Cominciamo a non andare a bombardare in casa loro.
    Poi gli attentatori non si acchiappano comprandosi tutte le Tv.

  2. Scritto da anna

    scusate ma, non è spostando il problema che lo si risolve. Se non compierà atti di terrorismo qui in lombardia lo farà da un’altra parte. E’ proprio cosi giusto espellerli solamente?? è solo una domanda da profana, non da polemica