BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, tariffa sui lumini anche per l’ossario comune “Non si paga, basta una mail”

Il Comune di Bergamo ha inviato 35 mila bollettini per il pagamento della tariffa sui lumini. Settimana scorsa sono partite lettere e qualche cittadino, aprendo la missiva, ha storto il naso.

Più informazioni su

Il Comune di Bergamo ha inviato 35 mila bollettini per il pagamento della tariffa sui lumini. Settimana scorsa sono partite lettere e qualche cittadino, aprendo la missiva, ha storto il naso. A causa del database non aggiornato infatti la tariffa è stata chiesta anche ai parenti di deceduti trasferiti da tempo nell’ossario comunale. Pubblichiamo la richiesta di spiegazioni di una cittadina e la risposta del Comune.

"Eccoci qui dopo che il Comune di Bergamo ha deciso di togliere la "tassa" per la sepoltura dei defunti ha giustamente pensato di far pagare l’illuminazione cimiteriale a quelli sepolti nei cimiteri di Bergamo Colognola e Grumello benissimo è un servizio e di conseguenza giustissimo che venga remunerato. Ma…. ma … peccato che a tutti i parenti in vita e agli stessi defunti seppelliti nel cimitero di Bergamo, siano arrivati venerdì i bollettini di pagamento per l’anno 2015 anche per le spoglie non più sepolte nei cimiteri comunali fin da prima del 2015 o meglio ancora per defunti i cui resti sono  sepolti ormai da anni nell’ossario comune e che quindi non utilizzano l’illuminazione cimiteriale. Comunque non ci sono problemi per risolvere il tutto è sufficiente che gli eredi  ancora in vita (buttino via almeno un paio d’ore di lavoro) e facciano un "saltino" presso gli uffici comunali per chiarire la faccenda (in quale modo non lo potranno sapere finché non si recheranno in loco quindi a loro rischio e pericolo di dover buttare altre ore di permessi lavorativi per ritornale allo sportello). Ora mi domando ma non era più semplice e meno dispendioso per le casse comunali dare una controllatina prima di inviare gli avvisi di pagamento e filtrare così gli elenchi di chi veramente utilizzi il servizio di illuminazione? Sicuramente sarebbe stato meno dispendioso  per i cittadini e meno stressante per gli impiegati comunali che loro malgrado si vedranno invadere l’ufficio da cittadini arrabbiati. Certo che e’ consolante pensare che un bellissimo comune grande come Bergamo che si vanta di consegnare gli atti in bici, che ha wi-fi libero, che organizza mostre e bellissimi eventi, non riuscire a fare un controllo incrociato nella SUA ANAGRAFICA CIMITERIALE. Quanti soldi buttati in carta, spese postali e tempo e quanta delusione".

Ecco la risposta dell’assessore ai servizi cimiteriali Giacomo Angeloni: “Abbiamo mandato la comunicazione attraverso 35 mila lettere. Possono essersi errori rispetto alle concessioni scadute. Siamo partiti dai dati del 2008, gli unici che avevamo. Nella comunicazione è specificato che basta inviare una mail all’ufficio per avere conferma di non pagare la tariffa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da spreconi

    Sono partiti dai dati del 2008 e non quelli aggiornati dei totem???
    Quelli che si vantano dell’informatizzazione non sono capaci di incrociare due dati ed evitare brutte figure? Ma l’assessore ci è o ci fa?
    E poi la lettera non era meglio che la mandasse PRIMA di applicare una TASSA retroattiva, in modo che uno potesse decidere di togliere il lumino anzichè pagare l’ennesima gabella?
    O farla partire dal 2016?

  2. Scritto da lucia

    Volevo far notare al dell’assessore ai servizi cimiteriali
    Sig. Giacomo Angeloni che l’anagrafica dei Vs. totem presso il cimitero di Bergamo ed il Vostro servizio on line per la ricerca dei defunti è aggiornato con le giusta anagrafica.
    Informi comunque i propri dipendenti, che rispondono al telefono, di dare questa informazione e di non consigliare di passare negli uffici cimiteriali per annullare la comunicazione. Grazie.

  3. Scritto da Carla

    Eliminiamo tutti i lumini, i morti hanno bisogno solo di preghiere, non di vederci pagare le tasse SVEGLIA Approfittatori ?