BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Libera tre ragazze intrappolate in auto che sta per incendiarsi Medico di Treviglio “eroe”

E' il responsabile della medicina nucleare all'ospedale di Treviglio il medico "eroe" che, insieme al figlio, non ci ha pensato due volte a intervenire per portare in salvo tre ragazze intrappolate in in'auto in fiamme lungo la statale 45, all'altezza di Rezzato.

E’ il responsabile della medicina nucleare all’ospedale di Treviglio il medico "eroe" che non ci ha pensato due volte a intervenire per portare in salvo tre ragazze intrappolate in in’auto in fiamme lungo la statale 45, all’altezza di Rezzato.

Si chiama Edoardo Facchi e viaggiava lungo la stessa strada insieme al figlio quando ha assistito all’incidente: uno scontro frontale fra de vetture (una Punto e una Matiz), una delle quali era completamente distrutta e rischiava di esplodere da un momento all’altro.

Al suo interno tre giovani donne, bloccate nelle lamniere.

Il dottor Facchi e il figlio sono intervenuti immediatamente, anticipando l’arrivo dei soccorsi: hanno aiutato a uscire le prime due ragazze, ne rimaneva una terza svenuta e in una posizione complicata, tra i sedili, ferita gravemente.

Una corsa contro il tempo per liberarle le gambe incastrate e portarla fuori dall’abitacolo appena in tempo: subito dopo l’auto prendeva fuoco.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da enrico brissoni

    Onore al dr Facchi e al figlio, fortunatamente le persone per bene e coraggiose sono ancora in larga maggioranza rispetto a certi miserabili…