BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ti sono cadute le monete” E intanto il complice lo derubava: presi – Video

Tramite il proprio profilo Facebook “Agente Lisa” la Polizia di Stato ha diffuso il video di una nuova truffa ai danni di ignari cittadini: la banda, che agiva a Torino, distraeva gli automobilisti gettando a terra delle monete e sfruttava il momento per derubarli.

Più informazioni su

Agivano in coppia, a volte in tre, per derubare gli automobilisti che da poco avevano lasciato la propria auto o che stavano per recuperarla dopo la sosta: bastavano pochi secondi, distraevano le ignare vittime con una scusa banale e in quel breve lasso di tempo arraffavano tutto il possibile dalle macchine.

Gli agenti del commissariato di polizia di Borgo Po, quartiere della zona est di Torino, hanno arrestato tre persone, incastrate anche da un video diffuso tramite il canale social “Agente Lisa” che mostra chiaramente il loro metodo collaudato.

Una volta individuata la vittima, spiega la Polizia di Stato, i complici si appostano vicino alla sua auto parcheggiata e mentre il primo fa finta di camminare tranquillamente lungo il marciapiede, il secondo lascia cadere a terra delle monete e, una volta che il malcapitato ha già aperto la macchina e appoggiato la borsa sul sedile, richiama la sua attenzione facendogli notare come probabilmente quelle monete siano uscite dalle sue tasche: nel momento in cui la vittima fa due passi indietro per raccogliere il denaro, il complice si fionda sulla macchina per rubargli la borsa.

Le indagini ora continuano per capire se ai tre finiti in manette possano essere imputati altri episodi simili.

Posted by Agente LISA on Giovedì 19 novembre 2015

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da leonard hofstader

    di tutta la vicenda, a me fa ridere l’idea che la Polizia di Stato abbia un profilo facebook che si chiama Agente Lisa