BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sviluppo dell’Alto Sebino Siglato l’accordo: si punta su agricoltura e turismo

Firmato nella sera di venerdì 20 novembre nella sede della Provincia di Bergamo l'accordo per lo sviluppo dell’Alto Sebino. Meloni, Cisl: “Importante la scelta di puntare su agricoltura e turismo. Ora interventi concreti sull'occupazione”.

È stato firmato nella serata di venerdì 20 novembre, nella sala consiliare della Provincia di Bergamo l’accordo territoriale per il lavoro nell’ambito Alto Sebino, “strumento da tempo richiesto e “promosso” dalla Cisl di Bergamo, che lo ha fortemente voluto”, dice Giacomo Meloni, della segreteria provinciale del sindacato di via Carnovali. L’accordo coinvolge i comuni di Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina e Sovere, con l’obiettivo di costruire percorsi di sviluppo dell’occupazione. Si tratta del primo atto concreto relativo alle aree omogenee previste dal nuovo Statuto della Provincia di Bergamo. 

“La firma è indubbiamente un fatto positivo per il coinvolgimento di tutte le forze sociali, istituzionali e amministrative, per la creazione del tavolo territoriale e la cabina di regia, valorizzando il modello partecipativo e non l’autoreferenzialità. Importante che tutte le realtà che vi aderiscono mettano al centro il lavoro come la priorità del territorio, che registra una disoccupazione vicina al 10%, e la chiusura di numerose attività artigianali e dell’edilizia. Poi, la scelta di individuare il settore dell’agricoltura quale ulteriore settore di sviluppo del territorio, oltre la vocazione industriale e turistica che vanno fortemente salvaguardati”.

Alla firma erano presenti il presidente della Provincia Matteo Rossi, quello della Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi Alessandro Bigoni, il presidente dell’Assemblea dei sindaci dell’Alto Sebino (nonché sindaco di Lovere), Giovanni Guizzetti e alcuni sindaci del territorio, che hanno condiviso il tavolo con CGIL CSIL UIL, ENAIP, Patronato San Vincenzo, Confindustria e Imprese & Territorio.

“L’accordo – prosegue Meloni – è per la Cisl di Bergamo la conclusione positiva della prima tappa di un percorso che necessariamente deve proseguire e dare risultati concreti sull’occupazione. Per questo è doveroso definire ulteriori interventi che vanno da un adeguato investimento per migliorare l’attrattività del territorio, alla dotazione di adeguate risorse economiche tramite un apposito fondo territoriale per finanziare le iniziative che di volta in volta possono essere messe in campo, quali la formazione, l’intreccio domanda e offerta di lavoro, l’avvio di nuove attività, l’attrattività del territorio che, nel terzo trimestre dell’anno in corso purtroppo è quello che fa registrare il dato peggiore di tutta la provincia di Bergamo con un tasso di crescita di – 1,5 %”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mino Bonomelli

    C’è sempre uno stile che si accompagna al merito. Un’iniziativa collettiva , nata nel territorio dell’Alto Sebino, promossa unitariamente dalle organizzazioni sindacali e fatta propria dalle istituzioni e dalle parti sociali. Valga la voglia di protagonismo (ognuno si mostra come meglio crede)molto meno il proporre targhe promozionali con il timbro dell’esclusiva. Mino Bonomelli CGIL